02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Farnese, Benetton fa crescere i vini del Sud ... “Le similitudini con il mondo della moda? Serve rispettare i gusti dei Paesi diversi, allinearsi alla domanda del mercato ma senza perdere gli elementi distintivi e la propria identità. E un esercizio che ogni stilista deve fare e che vale anche per il mondo del vino”. Nel 2013 il fondo 21 Investimenti guidato da Alessandro Benetton ha rilevato la maggioranza di Farnese Vini, la casa vitivinicola con sede a Chieti fondata nel 1994 da Valentino Sciotti, Filippo Baccalero e Camillo De Iulis con la volontà di valorizzare il patrimonio del Sud. “Da quando siamo entrati - racconta l’imprenditore trevigiano - abbiamo raggiunto l’obiettivo dei 50 milioni di euro di fatturato con una crescita a doppia cifra e un ebitda del 20%”.
Dalle sette cantine del gruppo - Caldora e Fantini (Abruzzo), Cellaro e Vigneti Zabù (Sicilia), Vigneti del Salento (Puglia), Vesevo (Campania), Vigneti del Vulture (Basilicata) - oggi escono i6 milioni di bottiglie suddivise in 8o etichette diverse, di cui oltre il 93% dirette in 78 Paesi all’estero, soprattutto in Germania, Giappone e Canada ma con l’ambizione di crescere sempre di più negli Usa e in Asia.
“L’esperienza e la professionalità di 21 Investimenti in termini di contenuto industriale e progettuale - prosegue Benetton - ha consentito un’internazionalizzazione, una piattaforma distributiva importante e un controllo della qualità, anche sul packaging, che è particolarmente innovativo. Allo stesso tempo il nostro business model rispetta il lavoro degli operatori locali e fa crescere il territorio. Noi affittiamo le vigne e tra mostri 470 conferitori adottiamo un sistema di incentivi per stimolare l’eccellenza. Nessuno meglio dei contadini proprietari sa interpretare il terroir”.
Il 97% della produzione è caratterizzata da uve autoctone del Meridione, l’etichetta simbolo “Edizione Cinque Autoctoni” di Fantini è un raffinato blend dei cinque vitigni più rappresentativi (Montepulciano, Primitivo, Sangiovese, Negroamaro e Malvasia Nera) di Abruzzo e Puglia. “E l’essenza di ciò che siamo - interviene proprio Valentino Sciotti (che oggi mantiene il 27,38% dell’azienda) -, un vino che si fa giudicare solo per la sua qualità, senza condizionamenti legati alla fama del singolo vitigno o denominazione. E importante controllare con attenzione tutte le fasi della coltivazione e vinificazione, per questo non volevo semplici consulenti ma enologi in organico (sono ben 13 e tutti giovani, nda). Ecco perché possiamo considerarci la più grande boutique winery del Sud Italia”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli