02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Toscana, export a un miliardo ... La Toscana punta il Piemonte e presto potrebbe effettuare il sorpasso dell’export. Nei primi 9 mesi del 2015 l’export di vini toscani è balzato del 21,9% (contro una media nazionale 5,4%) a 647 milioni. Trend che, se confermato anche per l’ultimo trimestre, proietterebbe l’export al record di 923 milioni. Nello stesso periodo, il Piemonte ha perso il 4%. Solo il Veneto supera il miliardo. A dirlo è ToscanaPromozione in vista di Buy Wine, l’evento con 200 produttori toscani e 250 buyer di 36 Paesi, in programma il 12 e 13 febbraio alla Fortezza da Basso di Firenze. Il 13 e 14 febbraio sarà di scena Anteprime di Toscana con i nuovi vini di 13 denominazioni. Dal 2003 l’export di vini toscani è cresciuto del 102% a valore e
pesa sul totale per il 16,7% (14,8% dal
del 2014). A trainare la Toscana sono i vini Dop che rappresentano il 64% dell’export regionale a valore. Continuerà anche nel 2016 la corsa? “Siamo
molto ottimisti risponde Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Brunello di Montalcino - Anche perché partiamo da un 2015 che ha svuotato le cantine:
sparito il Brunello 2010,2009 e le
precedenti. Venduto anche tutto il Rosso”. Bindocci aggiunge che ora “il mercato attende il 2010 Riserva mentre il 2011 si annuncia una grande annata”, “Siamo ottimisti per il 2016 interviene Giovanni Busi, presidente del Consorzio del Chianti. L’anno scorso le vendite sono Calate del 4% ma l’aumento consistente del prezzi (lo sfuso da 110 a
160 euro all’ettolitro ndr) ha permesso di poter pareggiare i conti
ai 3.700 produttori e ai 500imbottigliatori”. L’ultima vendemmia
però è stata magra per il Chianti,
-5%, ma buona nelle sottozone e
nel Chianti superiore, +7/8%.
“Quest’anno però - aggiunge Busi - avremo più competizione da
Sicilia, Puglia e Veneto che hanno prodotto tantissimo”.
Anche il Chianti classico ha
superato le difficoltà di un tempo. Quest’anno “passeremo da
35 milioni di bottiglie a 375 sottolinea Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio del Chianti
classico (e produttore di Rocca
delle Macìe) - dopo il +8% del
2015, merito dell’export ma anche di una buona ripresa del mercato domestico”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli