02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Tra gli scaffali qualità in continua crescita ... I consumatori italiani bevono meno ma meglio e ora riscoprono anche il piacere di bere di più. Dopo anni di stasi, si registra una crescita più decisa delle vendite di vino italiano sugli scaffali della grande distribuzione: il dato è positivo a volume e a valore.
Ingenerale, nel 2015 le vendite divino confezionato sono migliorate, secondo Iri, dell’1,3% a valore e dello 0,3% a volume. Il giro d’affari ha superato di poco gli 1,5 miliardi, con un prezzo medio di 3 euro a litro. Ma produttori e catene commerciali per sostenere le vendite hanno dovuto sacrificare i margini e mantenere le promozioni su livelli elevati: il 40%. Come dire che quasi un litro divino ogni due aveva uno sconto.
Nell’universo del vino, ottima la performance delle bottiglie da 75 cl (+,3,9 a 1,1 miliardi) mentre scivola il bag in box (cioè il vino da tavola quotidiano)del 5,7% 215 milioni. Più in dettaglio, le vendite delle bottiglie da75 cl sono aumentate del 2,8% a volume mentre le bottiglie a denominazione d’origine (Doc,Docg, Igt) dell’1,9%.) Rispettivamente le vendite a valore crescono del 4% e del
3,8%.
“Una crescita doppiamente positiva- commenta Virgilio Romano, client solutions director di Iri - perché non è stata stimolata né dalla crescita promozionale né da prezzi in calo. La pressione promozionale, infatti, rimane su livelli alti ma inalterati, mentre i prezzi sono in aumento: i vini Doc, ad esempio, hanno prezzi medi in crescita dell’1,9%. Dopo un lustro di assenza, la crescita contemporanea di volumi e valori lascia ben sperare per gli anni futuri”.
Risultati positivi anche per gli
spumanti venduti in Gdo: +7,8% a volume e +7,5% a valore, anche
se il prezzo medio è leggermente calato rispetto al2oiIvini
biologici crescono a volume del
13,2% (a valore del 23%), mai litri
venduti sono ancora limitati:
1,63 milioni.
11 vino più venduto in assoluto nei supermercati rimane il Lambrusco con 12,8 milioni di litri, tallonato dal Chianti, che vince però la classifica a valore. Al terzo posto sale lo Chardonnay che cresce del 9% a volume.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli