02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Tommasi cresce e punta sul Far East ... “La Borsa? Non escludiamo nulla, stiamo crescendo in modo costante del 7-9 %% ogni anno e con una buona marginalità. Per il momento, però, vogliano concentrarci sul consolidamento della crescita e sull’impegno che richiedono i mercati esteri, su cui c’è molto da lavorare” è un imprenditore “ponderato” Dario Tommasi, presidente del gruppo vitivinicolo che porta il suo nome, uno dei più importanti produttori del vino Amarone, marchio storico della Valpolicella Classica, guidato oggi dalla quarta generazione della famiglia (in azienda lavorano i quattro fratelli e i loro nove figli). "Teniamo gli occhi ben aperti davanti a tutti i possibili sviluppi del nostro business”, dice possibilista, anche se in questo momento gli sforzi sono concentrati sull’estero. Reduce da un Vinitaly che quest’anno ha visto allo stand Tommasi numerosi buyers asiatici, in particolare da Cina, Giappone, Singapore e Thailandia, l’azienda ha come obiettivo quello di procedere nella penetrazione dei mercati del Far East: “Dobbiamo far capire agli asiatici l’importanza dei vini italiani, far comprendere che non abbiamo nulla da invidiare aivini francesi, se non il senso del marketing”, spiega Tommasi. L’azienda veronese - la sede è a Pedemonte di Valpolicella - registra una quota export pari al 88%, lavora in 69 Paesi ed è leader di mercato nel Nord Europa, in Canada e negli Stati Uniti. E proprietaria di 552 ettari di vigneto sparsi in tutta Italia nella Valpolicella Classica, ma anche nell’Oltrepo Pavese, a Manduria, nel Salento, dove viene prodotto il Primitivo, in Maremma Toscana e nelle colline del Brunello di Montalcino, dove è stata fatta una acquisizione nel 2015. Ogni anno da questi vigneti- “rigorosamente tutti in Italia”, dice il presidente - vengono prodotte uve da cui si ricavano 2,9 milioni di bottiglie l’anno, per circa 26 milioni di curo di fatturato complessivo. Non solo vini rossi importanti, ma anche, ad esempio, il Lugana, bianco tipico dell’area del Lago di Garda, molto amato in Germania. “Non escludiamo nuove acquisizioni di vigneti continua Tommasi - vogliamo crescere ancora negli ettari di proprietà per produrre solo con uve nostre”. Il Gruppo Tommasi Family Estates, che conta su 23o addetti, è attivo anche nell’hospitality, con Villa Quaranta Park Hotel, a Ospedaletto di Pescantina, un albergo Termale con centro Congressi dove si svolgono manifestazione degustazioni dei vini della casa vitivinicola, con l’Albergo Mazzanti in centro città a Verona e con un agriturismo a Pitigliano, nella Maremma Toscana, nella Tenuta Viticola Poggio al Tufo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli