02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Simest rileva il 20% di Terre Moretti ... Simest rileva il 19,6% della società Terra Moretti Distribuzione per 6 milioni con l’obiettivo di spingere l’espansione internazionale delle bollicine di Contadi Castaldi e Bellavista. L’operazione è stata chiusa l’anno scorso ma la notizia emerge con la pubblicazione del bilancio Simest, che fa capo a Cdp. Quest’ultima ha valutato la società franciacortina oltre 30 milioni, dieci volte l’Ebitda del 2015. “In realtà- osserva il presidente Vittorio Moretti - il valore della società supera i 40 milioni, m a considerato il grande supporto di Simest e il fatto che dopo 5 anni uscirà dall’investimento, non abbiamo spinto più di tanto sul prezzo”. Quale l’obiettivo dell’alleanza? “Accelerare gli investimenti e l’espansione all’estero dei nostri vini come da programma triennale - risponde l’imprenditore bresciano - Solo recentemente abbiamo investito 7 milioni per le strutture e il magazzino e continuiamo a farlo sullo sviluppo all’estero: deve arrivare al 40% dei ricavi”. I mercati nel mirino sono Stati

Uniti, Giappone e Far east.

In dettaglio, la controllante Terra Moretti ha conferito il 6o% 0

del capitale della Contadi Castaldi srl in Terra Moretti Distribuzione tramite aumento di capitale sociale con scambio di partecipazioni. Contestualmente Simest ha sottoscritto un aumento di capitale per 6 milioni in cambio del 19,64% del capitale sociale. Oggi Terra Moretti ha una quota del 79,64%, Simest il 19,64% e Francesca Moretti il restante 0,89%. La società è controllata dalla Holding Terra Moretti, di proprietà della famiglia, che gestisce anche il business alberghiero con L’Albereta di Erbusco.

Nel 2015 Terra Moretti Distribuzione ha realizzato ricavi (comprese le cantine toscane Petra e La Badiola) per 37,4 milioni (+8,3%), con un Ebitda di 3,2 milioni (1,6 milioni) e un utile netto di 2,2 milioni (o,8 milioni). La posizione finanziaria netta è positiva per 2,3 milioni. L’export è stato di circa 6 milioni. La cantina ha 3,5 milioni di bottiglie in affinamento, per almeno 3 anni e con punte di 4. L’anno scorso l’azienda franciacortina ha disdetto il mandato all’agente di commercio Sama Italia e dall’inizio del 2016 opera tramite una propria rete di agenti. Secondo Terra Moretti “è una scelta strategica che permette di ottenere risultati migliori”.

L’anno scorso l’azienda ha prodotto 2,78 milioni di bottiglie; il piano triennale al 2018 prevede un obiettivo di 3,75 milioni (+38,5% in più), di cui 1,7milioni di Bellavista, i milione di Contadi Castaldi, 750mila di Petra e 300mila di La Badiola. “L’incremento di produzione per il 2018 osserva l’ad Francesca Moretti risponde alla strategia della qualità assoluta in vigna e in cantina. Dopo aver raggiunto i 4 anni di affinamento per il vino più rappresentativo, Alma Gran Cuvée (1 milione di bottiglie), Bellavista porterà tutte le vigne a conduzione biologica. Mentre Contadi Castaldi dovrà poter contare su un rapporto di continuità con i viticultori conferenti più virtuoso per fare più qualità”.

E per il 2016? “Nel vino - conclude Vittorio Moretti -potremo chiudere con una crescita del 10% mentre nel food puntiamo al 20”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli