02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Il vino di Giv su Alibaba ... A un mese dall’11 settembre, data chiave per le vendite online superscontate, il Gruppo Italiano Vini (Giv) ufficializza l’intesa con TMall, la piattaforma più pregiata di Alibaba, siglando all’Ambasciata di Pechino un accordo per la distribuzione del vino italiano secondo la formula B2C. Il consorzio raggruppa una ventina di cantine, alcune delle quali con una lunga storia alle spalle (c’è persino quella di Machiavelli, l’autore del Principe), fattura complessivamente 500 milioni di curo, e un piede in Cina l’ha già messo in piena estate aprendo un negozio su Alibaba la prima piattaforma online al mondo. Perché sancire, allora, un’alleanza in maniera formale? Il perché l’ha spiegato Corrado Casoli, il presidente di Giv: “Far conoscere il vino italiano in Cina in quanto tale, forti del fatturato e dei 220 milioni di bottiglie vendute. Per questo la sigla di un accordo formale è essenziale”. Entro la fine del 2017, inoltre, Giv in Cina vuole vendere 100mila, di bottiglie. Lo ha detto Marco Pizzoli, general manager di Giv Shanghai, con una lunga tradizione di gestione di aziende cinesi, “mettendo insieme canali nuovi come l’online, ma anche tradizionali, perché diversificare lavendita è utile ad avvicinare il consumatore cinese alla cultura del vino e all’Italian Lifestyle più in generale”. La tesi è che il vino possa diventare una sorta di cavallo di Troia di altri marchi itali ani, questa la prospettiva di FangWai, general manager dell’area Fast Moving Consumer Goods di TMall, 400 milioni di clienti. L’ambasciata guidata da Ettore Sequi sta spingendo particolarmente queste iniziative di promozione del vino italiano, “un settore strategico per l’Italia”. Un mese fa a margine del Geo di Hangzhou il premier Matteo Renzi ha incontrato il fondatore di Alibaba, Jack Ma, nel quartier generale, entrambi hanno partecipato all’inaugurazione, a Verona, di Vinitaly. Con simili testimonial tocca, adesso, al vino fare la sua parte. Il prossimo 11 settembre è la data fatidica per verificare, in rete, la tenuta dell’intesa sul vino italiano. Una prova generale c’è stata il 2 giugno, ovviamente insieme ad altri prodotti, e il 9 settembre in maniera ancora più consistente. L’11 settembre è stata la prima data lanciata da Alibaba per scatenare in rete le vendite, e ogni anno il volume di affari aumenta, con l’ingresso anche di nuovi prodotti e di nuove offerte.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli