02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Chianti, Allianz investe a San Felice ... San Felice, la tenuta del Chianti senese che fa capo al gruppo assicurativo Allianz, dà il via a un investimento da 15 milioni di euro per ampliare la ricettività, completare il restyling degli spazi destinati alla ristorazione, ristrutturare alcuni casali sparsi nella proprietà di 60 ettari circondata un paesaggio da cartolina.
Nel 2018, al termine dei lavori che si svolgeranno in tre fasi durante i periodi di chiusura invernale dell’hotel cinque stelle “diffuso” nel borgo medievale, le camere saliranno dalle attuali 53 (di cui 20 suite) a 65, con l’obiettivo di innalzare il target della clientela. “Vogliamo migliorare ancora il livello dei nostri servizi - spiega Danio Guerrini, direttore dell’hotel Borgo San Felice che fa parte del circuito Relais & Chateaux - offrendo agli ospiti un’accoglienza unica in una zona di grande fascino”.
Per la tenuta, acquisita dal gruppo Allianz nel 1978, significa fare un ulteriore salto di qualità che abbraccia anche la ristorazione e guarda alla solidarietà sociale. La cucina, affidata allo chef Fabrizio Borraccino, conta infatti sulle verdure provenienti da un orto biologico, al centro di un progetto della fondazione Allianz Umana-mente che vede lavorare insieme ragazzi diversamente abili e anziani della zona. I vini sono assicurati dalla tenuta, che produce e distribuisce l,3 milioni di bottiglie (19 etichette) provenienti dai 130 ettari di vigneto suddiviso in tre zone: Chianti Classico, Montalcino e Maremma. A capo sia dell’Agricola San Felice che di Borgo San Felice, società entrambe controllate al 100% da Allianz, c’è Mario Cuccia, che anche nei vini ha deciso di puntare sul top di gamma col Chianti Classico “Gran Selezione”, ultima creatura del consorzio che tutela la denominazione per posizionarsi al top della piramide qualitativa.
Nel vino come nell’hotellerie, dunque, l’obiettivo del gruppo Allianz sembra delineato: continuare a investire in Toscana, dove i manager del gruppo assicurativo sono “di casa”, per specializzarsi nel segmento lusso e aumentare la valorizzazione e la redditività delle strutture.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli