02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

Pinot e Ribolla apprezzati in Canada … Friuli Venezia Giulia. Sul territorio costituita una associazione temporanea di 54 imprese del settore... La settimana scorsa i vini friulani si degustavano a New York e in California, nell’ambito dell’Italian WineWeek. All’inizio di marzo toccherà a Houston e Los Angeles: “Quello americano resta un mercato privilegiato - spiega Giorgio Colutta, consigliere dell’azienda speciale Imprese e Territorio della Cciaa di Udine e produttore - e ora c’è spazio per esplorare zone meno battute come il Texas e altri stati centrali”. La Camera udinese è stata fra le prime, nel 2011, a organizzarsi per usufruire dei fondi comunitari Ocm destinati ai produttori vitivinicoli per la promozione all’estero: ora si è costituita una associazione temporanea di 54 imprese “che in questo modo possono avere un stimolo all’export e fare esperienza in questo ambito”. Lo scorso ottobre 1 attività di promozione del vino friulano aveva fatto tappa in Canada, in due tappe nelle principali città: Vancouver e Calgary, Toronto e Montréal. Nel 2015 proprio questo Paese ha fatto segnare importazioni di vino dal mondo per oltre 2,2 miliardi di dollari con una crescita del 7% sul 2014, e qui il vino italiano gioca un ruolo strategico con una domanda di crescita stabile da un decennio. Dal 7 al 9 marzo 2017, invece, l’attenzione si sposta su Guadalajara (Messico). Le Camere di Commercio di Udine e della Venezia Giulia - Azienda Speciale Zona Franca promuovono, all’interno del Padiglione Italiano, la partecipazione collettiva friulana alla Fiera Alimentaria Messico. Proprio in occasione della Borsa Vini svoltasi a settembre e alla missione organizzata dalla Camera di Commercio di Udine si è potuto riscontrare come l’interesse verso i prodotti alimentari italiani sia molto sentito soprattutto da parte dei consumatori messicani di fascia alta Sono stati aperti molti punti vendita gourmet e ristoranti italiani, favorendo l’aumento del consumo di prodotti alimentari simbolo quali parmigiano, pista e, appunto, vino. “L’internazionalizzazione del nostri vini prosegue mettendo al centro i vitigni bianchi: il prosecco naturalmente, un successo trainato anche dal vicino Veneto, ma anche la Ribolla Gialla per la quale abbiamo conquistato la Doc - spiega Cesare Bertoia, presidente della Coldiretti di Pordenone -. E poi c’è il pioniere, quel Pinot grigio che qui, grazie alle escursioni termiche, raggiunge livelli qualitativi elevati”. Anche la Regione fa la sua parte: lo scorso gennaio è stato ribadito il ruolo privilegiato del Friuli VG nelle relazioni tra l’Italia e la Repubblica dell’Azerbaijan e le prospettive di rafforzamento dei rapporti blaterali in campo agroalimentare. Nell’incontro fra l’ambasciatore Mammad Ahmadzada e l’assessore alle Risorse agricole Cristiano Shaurli, il rappresentante diplomatico ha illustrato la volontà della Repubblica caucasica di riappropriarsi di una peculiarità azera: la produzione vitivinicola. Nella collaborazione con il Friuli VG 1’Azerbaijan può trovare uno know how di alto profilo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli