02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Sole 24 Ore

L’ortofrutta cerca sbocchi anche in Estremo Oriente … Food/1. Aperto ieri Macfrut a Rimini: crescono i buyer esteri... Doro dieci anni di torpore i consumi di ortofrutta in Italia danno segni di risveglio, con un aumento del 4% nei primi due mesi di quest’anno. E l’export nel 2016 si è avvicinato a quota 5 miliardi (+5%), a fronte di un valore della produzione che ha superato i 13 miliardi. Ma i margini di crescita sul mercato interno sono sempre più risicati e le aziende, per reggere la concorrenza e restare sul mercato, dovranno spingere sull’acceleratore dell’export extracomunitario. Questo facendo leva, da un lato, sull’apertura per alcuni prodotti delle frontiere di aree strategiche, come il Medio Oriente e il Sud Est asiatico; dall’altro, sul calo dei noli marittimi che dall’anno scorso rende più conveniente il trasporto su nave, piuttosto che su gomma verso il Nord Europa. All’inaugurazione del Salone internazionale Macfrut, ieri alla fiera di Rimini (e fino al 12 maggio), il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Sandro Gozi, ha ricordato che “1’80% dell’export ortofrutticolo italiano viene realizzato nell’Unione europea, ed è sul restante 20% che dobbiamo lavorare”. Posto che per ora il nostro Paese oltremare esporta ben poco: 27mila tonnellate di mele in Brasile, 30mila in Giordania, 57mila m Arabia Saudita; e poi 37mila tonnellate di kiwi negli Stati Uniti, 15mila in Brasile, 12 mila in Canada, 10mila in Cina, dove le potenzialità di crescita sono peraltro enormi. Alcune procedure per l’abbattimento di barriere non tariffarie e l’apertura di importanti mercati, siapure tra mille difficoltà sono andate a buon fine. Ma per molte altre l’iter va a rilento. Così in Cina, per ora, l’Italia esporta solo un po’ di kiwi, e l’anno prossimo spera negli agrumi dopo il via libera arrivato a febbraio. E poi punterà su mele e pere. In Giappone vanno solo arance, ma il kiwi italiano sarebbe molto richiesto; con il Vietnam sono stati aperti diversi dossier e le autorità italiane sono al lavoro per esportare mele, kiwi e pere; a Taiwan al momento va solo qualche container di kiwi; per le mele i lavori sono in corso. Ma Belgio, Olanda, Polonia e Spagna si sono portati avanti. L’Osservatorio Macfrut ha diffuso alcuni dati emblematici sui costi via mare Spedire un container da 20 tonnellate di ortofrutta dal porto di Ravenna verso Damietta e Port Said, in Egitto, costa in media 1.400 dollari. Analogo quantitativo da Genova per Hong Kong costa 1.700 dollari, per Shangai 2.400, per Rio de Janeiro e Buenos Aires 1.200 dollari. Mentre un container da 20 tonnellate trasportato con camion su strada da Roma a Milano costa anche 1.000e uro. Ma per andare a Norimberga, in Germania, si parte da 1.800 per arrivare a 2.500 euro. “L’anno scorso - osserva il presidente di Fruitimprese, Marco Salvi - dati alla mano le nostre esportazioniverso diversi paesi lontani sono cresciute. È chiaro che il calo dei noli marittimi offrono grandi opportunità”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli