02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi' Di Repubblica

La bottiglia - Quel rosso degno di Indiana Jones: è la prima vendemmia di una piccola azienda pugliese. Una rarità per palati esploratori ... Procedere bene la riscoperta dei vitigni autoctoni di Enotria. In questo caso della Puglia. Agli eccellenti risultati di Primitivo e Negroamaro, tanto per citarne due, si aggiunge un nome buffo, dal suono affettuoso: Sussumaniello (somarello). Coltivato fin dall’antichità nel Brindisino, assai produttivo, era vinificato insieme ad altre uve tipiche, senza riuscire così a esprimere i suoi valori individuali. L’Accademia dei Racemi, nata per valorizzare le uve indigene, ha scelto l’azienda agricola Torreguaceto (situata a fianco dell’omonima oasi naturale protetta) per avviare le sperimentazioni in purezza.
Dopo qualche anno di microvinificazione più che promettenti è finalmente in commercio la vendemmia 2001. Nome accorciato ma orgoglioso: Sum. Quasi una rarità: sono solo 1500 bottiglie formato magnum. Aumenteranno con l’entrata in produzione dei nuovi impianti ad alberello (10 ettari). L’assaggio, per gli enofili esploratori, stile Indiana Jones, non si dimentica: colore rubino profondo, buoquet-sapore, fitto di suggerimenti fruttati rossi, neri, maturi e sottolineatura speziata, gusto di elegante, poderosa invadenza che si protrae a lungo.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli