02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il Venerdi’ Di Repubblica

Il moscato maturato nel cemento, dolcemente “sulle sue” ... Una cantina antitecnologica per uve raccolte da viti ultracentenarie. Il risultato? Si beve con tutto...A Badde Nigolosu la cantina è finalmente completata, proprio come la voleva il vignaiolo. Vasi vinari di inox luccicante? No. File di barrique e botti grandi? Nemmeno. Per bianchi e rossi Alessandro Dettori ha deciso di vinificare e far maturare i vini in vasche di cemento. Niente chiarifica né filtrazione né stabilizzazione. Il soggiorno in vetro dura almeno un anno.
Cantina e vini antitecnologici, insomma, la naturalità come bandiera, in onore della materia prima offerta da vetuste (alcune ultracentenarie) viti ad alberello. I Cannonau (tre etichette che commossero Veronelli e ora hanno avuto 94 e 95/100 dal guru Robert Parker), ma anche il Vermentino e questo Moscadeddu. Un Moscato particolare, ben riconoscibile per l’aromaticità
ma “sulle sue” quanto a dolcezza: e infatti c’è chi lo gusta su tutto il pasto, dal crudo di mare alle linguine all’astice alle paste di mandorla. Il caldo del grado alcolico vela il tasso zuccherino, i profumi (l’uva matura gioca con frutta tropicale, refoli balsamici) sono coerenti con il sapore fresco, pieno, e mandorlato nel finale. A Bagnolo in Piano da K2, a Roma da Trimani sui 24-25 euro.

Moscadeddu 2005
Tenute Dettori

Sennori (Sassari)

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli