02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il VenerdÌ Di Repubblica

La Bottiglia ... Il grande sardo con le radici nella sabbia ... Si chiama così, Su de Is Muras, la zona dell’Iglesiente dove si trova l’azienda 6 Mura. Formata da cinque soci, amici fin dall’infanzia e poi complici nella passione per il vino. Neanche uno si chiama Mura, il nome scelto è una soluzione grafica. Vincenzo Aru, Flavio Piras, Stefano e Guido Lampis, Carlo Lacci, tutti originari di Giba, tutti con il pallino del grande rosso (ma fanno anche limpido e piacevole Vermentino) hanno dei miti: Monfortino, Case basse, tanto per dire, Il loro vitigno-vino del cuore è il Carignano. Lo sentono come tradizione, cultura, difesa etica delle vecchie vigne (da 50 a 110 anni) a piede franco prefillossera, coltivate ad alberello sulle dune sabbiose. Piccoli monumenti della natura, rendono circa 800 grammi d’uva per ceppo. Alla lunga fermentazione a contatto con le bucce segue un affinamento di 18 mesi in legno grande più altri sei mesi in vetro. Nel bicchiere: intensità e concentrazione nel colore preannunciano un bouquet travolgente che alterna frutti neri, foglie di tabacco, radici, mirto. Il sapore è potente e complesso, vera nobiltà isolana. A Bareggio (Milano) da Maggiolini, a Padova da Severino, a Cagliari da Lancillotto sui 20 euro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli