02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Il VenerdÌ / La Repubblica

La bottiglia ... E il sangiovese sta in una botte di coccio ... Barricoccio 2007 Tenuta Rubbia al Colle - Suvereto (Livorno) ... Botte grande, barrique, acciaio, cemento? No, grazie: barricoccio, Si chiama così il nuovo contenitore per l’affinamento del vino, di questo vino almeno. È un Sangiovese della Val di Cornia, della tenuta Rubbia al Colle, che fa parte dell’Arcipelago Muratori. Le vigne contano una ventina di doni di Sangiovese, “figli” di ceppi a piede franco dei primi anni del Novecento. Barricoccio come la sua culla, una barrique di caccio, cioè di terracotta, vetrificata all’esterno. Con un pensiero ai buccheri etruschi e un altro al suolo argilloso su cui crescono le viti. L’enologo Francesco Iacono ha fatto realizzare i contenitori all’Impruneta. Questa vendemmia Z007 è affinata due anni in barricoccio e uno in bottiglia. Dice Iacono che la terracotta è materia inerte, non cede sostanze aromatiche: il vino mantiene nel tempo il frutto, la freschezza, l’eleganza ruspante e non assume sfumature evolute. Piacerà a chi non sopporta il fattore-legno. Dietro il colore di media intensità, profumi di ciliegia e prugna rosa, gusto ben delineato e accattivante. A Milano da VinoVino di piazza Sant’Alessandro, a Napoli da Mercadante sui 14-16 euro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli