02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Io Donna / Corriere Della Sera

Douce Toscana ... Tappa stellata nel cuore della Maremma. Nella “Trattoria” annessa al lussuoso resort “L’Andana”. Sogno italiano di Alain Ducasse, celebre cuoco francese, stregato dalle cose semplici e schiette di questa terra... Una tappa a 5 stelle tra terra e mare, nei pressi di Castiglione della Pescaia, cuore della Maremma toscana. È il resort L’Andana, sogno italiano del celebre chef francese Alain Ducasse, realizzato su 500 ettari della Tenuta La Badiola in società con Vittorio Moretti, l’industriale bresciano già proprietario delle cantine Petra e Bellavista. Una villa con fattoria ristrutturata su progetto dello studio Mocchetti: elegante spazio mediceo la prima, destinata a 42 lussuose camere e alla spa, e antica costruzione rustica la seconda che ospita Trattoria Toscana, primo e unico ristorante italiano di Ducasse. Il menu, autenticamente toscano, è firmato dal maestro francese e dal suo allievo Christophe Martin, 34 anni, affiancato in cucina da uno staff di 18 persone. La filosofia è quella di piatti semplici e stagionali, cucinati secondo le regole della scuola di Ducasse: pochi ingredienti per meglio gustare ogni materia prima sceltissima, Christophe va
al mercato e si fa raccontare le
ricette di tradizione contadina
quindi le elabora e le ripropone
con un tocco di raffinatezza francese. Gli accostamenti armoniosi vengono creati con l’utilizzo di prodotti coltivati negli orti della tenuta che forniscono frutta, verdura, vino e olio. Una parte molto interessante è quella “profumata”. Ampio spazio infatti è stato dedicato alla coltivazione delle erbe aromatiche: salvia, timo, maggiorana, rosmarino, erba cipollina vengono raccolte ogni giorno per insaporire anche la più semplice delle insalate o per caratterizzare la trippa, piatto della tradizione toscana rivisitato appunto con un pesto d’erbe. La stella Michelin naturalmente è stata subito assegnata, ma la vera sorpresa arriva con i prezzi. Che sono “politicamente corretti”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su ,

Altri articoli