02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L'espresso

Il vino torna sul podio negli Usa ... Ripresa la prima posizione dopo il sorpasso australiano. Ma l’export vola per tutti i settori... Sette mesi all’insegna del bei tempo per l’export agroalimentare. Che da gennaio a luglio ha continuato a macinare performance positive, chiudendo il periodo con un incremento dei flussi in uscita del 10,1% a quota 15,5 miliardi di euro. A fronte di un ÷7,8% delle importazioni, pari a 20,4 miliardi, gravate dalle materie prime. I dati, di fonte Istat, lasciano intendere che l’annus horribiis 2009 per l’export alimentare (-4,9%) è definitivamente alle spalle.
Dall’analisi di Federalimentare sul primo semestre emerge che è la birra la voce più brillante, con esportazioni per 59 milioni (÷ 63%). I formaggi, con 890 milioni, hanno messo a segno una crescita del 23,2%. Dolci e praline di cioccolato hanno sfiorato il miliardo, in aumento del 13,3%. È tornato il segno positivo anche sul fronte degli oli e dei grassi (+12,3%), come pure per le carni (÷9%). Le uniche performance in negativo hanno interessato il riso, crollato del 12%, e i prodotti ittici (-2,4%).
Ottimo l’andamento del vino, con incrementi nei valori (1,9 miliardi, +11,2%), e nelle quantità (10 milioni di ettolitri, +8,7%). Le notizie dagli Usa, tra l’altro, danno il vino italiano di nuovo al vertice, dopo il sorpasso australiano. All’Italian wine and food institute di New York risulta infatti che nei primi sei mesi 2010 l’import totale di vino in Usa sia sceso del 5,3% a 3,9 milioni di ettolitri, a fronte di un -2% nei valori, pari a 1,7 miliardi di dollari. L’italia è riuscita a migliorare, con sdoganamenti pari a 1,1 milioni di ettolitri e per 521 milioni di dollari, in crescita del 10,5 e dell’11,6%. E questo in presenza di una sostanziale stabilità del prezzo medio (4,9 dollari per litro), mentre quasi tutti gli altri Paesi hanno dovuto tagliarli. Lo ha fatto anche l’Australia che ha ridotto il prezzo medio a 3,5 dollari per litro. Ma non è stato sufficiente a frenare la caduta della domanda (930 mila ettolitri).

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli