02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018
VINO & HOLLYWOOD

La Napa Valley, patria del vino Usa e location di film enoici: su Netflix arriva “Wine Country”

La commedia tutta al femminile, con la regia dell’attrice Amy Poehler, è solo l’ultimo dei film hollywoodiani con il vino come protagonista
FILM ENOICI, NAPA VALLEY, NETFLIX, WINE COUNTRY, Mondo
“Wine Country” sbarca il 10 maggio su Netflix

Avranno sicuramente meno storia enoica e meno tradizione del vino radicata nel territorio, ma negli Stati Uniti la carta vincente è sempre quella di sapersi raccontare. Nel caso della Napa Valley, la regione vitivinicola californiana che è tra le più vocate a dare vita al succo di Bacco, oltre che patria di tantissime cantine, è anche amatissima location di film in cui il vino è protagonista, co-star, filo conduttore o semplice comparsa. Sì perché se il vino è sempre più “materia per tutti”, e non certo più una nicchia per esperti del settore, anche le star di Hollywood sono ammaliate dalla wine passion, diventando in alcuni casi anche produttori. Tornando ai film, tra i tanti titoli “enoici”, quelli raccontati nella Napa Valley sono anche i più fortunati ed amati: basta pensare a veri cult, come “Sideways”, del 2004, vincitore di un Premio Oscar, che racconta l’amicizia di due uomini in un road trip, o “Bottle shock”, del 2008, che racconta l’ingresso della regione nel successo internazionale enoico. E, sulla piattaforma di streaming Netflix, il 10 maggio arriverà “Wine Country”, che sembra proprio candidarsi a degno erede della commedia americana a tema vino: con l’attrice Amy Poehler al suo debutto come regista, affiancata dal cast (quasi tutto) femminile con nomi come Tina Fey, Maya Rudolph, Rachel Dratch, racconta la storia di un gruppo di amiche di vecchia data, riunite in un viaggio tra i vigneti californiani per festeggiare il cinquantesimo compleanno di una di loro. Ovviamente, tra vino, cibo gourmet e serate folli, la vita di ognuna e i loro legami vengono messi in discussione.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli