02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Speciale Maggio Musicale Fiorentino - MaggiodiVino: preziose bottiglie all'asta ... Gianni Agnelli, Giorgio Armani, Roberto Cavalli e Gèrard Wertheimer (proprietario del mitico marchio Chanel) hanno regalato bottiglie da “mille e una notte” per l’importante Asta di Vini del 17 maggio a Firenze, il cui ricavato andrà in favore della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. L’evento nasce da un’idea del Principe Duccio Corsini come momento inaugurale di Alla Corte del Vino (18 e 19 maggio), esposizione di grandi produttori toscani a San Casciano Val di Pesa, nel cuore del Chianti. I proventi raccolti con l’Asta di Vini di quest’anno andranno a sostenere il concerto dei Wiener Philharmoniker, diretti dal Maestro Zubin Mehta, che si terrà il 24 giugno 2003, nella prossima edizione del Maggio Musicale. Al Teatro della Pergola di Firenze saranno posti all’incanto prestigiosi lotti di bottiglie italiane ed internazionali, battuti dalla Casa d’Aste Pandolfini, una delle più importanti del settore e la prima, in collaborazione con la rivista Gambero Rosso, ad aver lanciato nel nostro Paese il “trend” del vino come oggetto di investimento. L’Avvocato Gianni Agnelli ha donato il Sassicaia, celebre vino di Bolgheri, per supportare la grande musica del Maggio Fiorentino: la sua magnum di Sassicaia 1988 si riferisce ad una delle migliori annate di sempre, una straordinaria vendemmia per bottiglie da sogno valutate a livelli altissimi. Lo stilista Giorgio Armani ha messo a disposizione una rarissima bottiglia Imperiale da 6 litri di Sassicaia 1999: un pezzo quasi introvabile in grado di far impazzire collezionisti di ogni latitudine. La preziosa Imperiale di Sassicaia donata da Armani è destinata sicuramente a spuntare una quotazione da capogiro. Un’altra firma sfolgorante del “made in Italy”, Roberto Cavalli, abituato a vestire le grandi star internazionali, si è cimentato per la prima volta con il look di una bottiglia di vino. Una magnum di Sagrantino di Montefalco 25 anni di Arnaldo Caprai (annata 1998), vanterà una confezione unica, completamente disegnata dall’estroso stilista fiorentino: dall’etichetta alla scatola, la bottiglia del Sagrantino “cult” prodotto da Caprai esibirà il segno inconfondibile di Cavalli. Un pezzo unico che sarà conteso tra fashion victims e collezionisti di bottiglie rare. Ma non ci sono solo gli italiani tra i sostenitori dell’Asta di Vini: Gèrard Wertheimer, la cui famiglia è proprietaria del marchio Chanel, ha donato due Magnum di Château Rauzan-Segla 1995, tra le più raffinate e preziose etichette di Francia. Il successo della scorsa edizione, in cui furono raccolti 132 milioni di vecchie lire (68.172 euro) … L’organizzazione e la raccolta dei fondi a favore del Maggio sono affidati al Comitato “MaggiodiVino”, costituito per l’occasione e presieduto da Clotilde Trentinaglia de Daverio Corsini.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli