02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Frescobaldi docet: apre il «Wine bar» ... L'invito porta la firma di tutta la famiglia Frescobaldi. E sono ben 36 nomi, in corsivo inglese e in oro, sotto una bella «F». E' arrivato a mille amici nel mondo e le risposte di adesione fioccano. Perchè in pochi vorranno mancare, venerdì 31 maggio, all'inaugurazione del «Frescobaldi Wine Bar» a Firenze, in un'antica via del centro (via de'Magazzini), proprio a ridosso di Palazzo Vecchio. E' qui che Diana Frescobaldi, l'ultimogenita dei marchesi Vittorio e Bona, ha ideato questo progetto speciale che coniuga la cultura del bere a quella del buon cibo, dopo il successo del primo wine bar di famiglia aperto all'aeroporto di Fiumicino (gate 8, voli nazionali, e presto verrà ripetuto anche ai voli internazionali). «Ci piaceva portare a Firenze questa esperienza felice — racconta Diana, bionda e delicata come la mamma Bona ma già al timone del locale — e siamo felici del risultato. Che è un po' una storia concepita tutta tra noi di famiglia. Perchè, per esempio, tutti gli affreschi e i decori sono stati fatti da mia cugina, Idarica Gazzoni, con l'aiuto mio e di mia sorella Fiammetta. Mio fratello Lamberto ha curato la scelta dei vini, e mia madre i piccoli, ricercati dettagli». Come il «Frescobaldino», il piccolo locale per l'aperitivo (con tapas di rape saltate e sformatini di verdure) a prezzi più che accessibili e «giovani». Ma anche le tovaglie di Fiandra color burro, i tavoli francesi che ricordano un po' le atmosfere del «Coste» di Parigi, le tappezzerie color terracotta senese, il camino di pietra serena che d'inverno sarà sempre acceso. «Ogni mese cambiamo menu, seguiamo le stagioni vere non quelle forzate. Insomma cannellini a giugno e passata di pomodori a luglio. Cinquanta le etichette della carta dei vini, tutti i nostri classici, le promesse e quelli del nostro partner americano Robert Mondavi», spiega la marchesa Bona che aspetta per venerdì sera il principe Nicola di Romanoff con la moglie Sveva e grappoli di amiche e amici da tutta Europa.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli