02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Regali delle feste: a ciascuno il suo ... Il Sommelier: “Solo scelte personalizzate e non condizionate dal costo”... Il vino ha un fascino indiscutibile e regalare una bottiglia è sempre stata una tradizione che negli ultimi anni sta divenendo un’abitudine sempre più diffusa. Non è un caso quindi che gli italiani per Natale stanno acquistando o hanno comprato prodotti enogastronomici tipici per un valore di circa due miliardi di euro. Tra i prodotti preferiti c’è il vino. Ma che vino regalare e soprattutto, dove comprarlo? Per fare felice sia chi riceve il regalo, sia chi lo offre (spendendo bene i propri soldi), è bene seguire qualche regola. La prima è scegliere l’enoteca di fiducia. Esistono bottiglierie storiche, così come esitono negozi novelli. Il locale deve avere referenze adeguate e il titolare deve saper dialogare e consigliarvi. Spesso si vedono persone che si perdono tra gli scaffali senza avere un’idea precisa sull’acquisto da effettuare: sono facili prede di chi affibbierà loro una bottiglia che magari non riesce a smerciare da tempo o una pseudo-specialità a costi altissimi.
Un buon professionista si misura col dialogo e avrà sempre l’etichetta adeguata alle vostre esigenze. Quale vino regalare dunque, e a chi? L’aspetto legato al ruolo sociale o alla personalità di chi riceverà il vostro regalo è importante. Quasi tutti i vini vengono commercializzati per essere consumati il prima possibile. Perciò al collega o all’amico inesperto non regalerete una bottiglia degli anni Sessanta: non l’apprezzerebbe! Un eno-appassionato vi ringrazierà invece tutta la vita. A questo punto la domanda sorge spontanea. E il prezzo? L’equazione vino costoso-vino di ottimo livello non regge, o almeno non ha più la valenza di qualche anno fa. L’educazione al gusto ha avuto i suoi effetti positivi creando consumatori consapevoli.
E la consapevolezza ha portato a distinguere tra ciò che è caro e ciò che è costoso. Precisiamo, caro è un vino palesemente fuori prezzo, con una qualità che non giustifica l’acquisto. Costoso è un vino che non è per tutte le tasche, ma che qualitativamente possiede tutti i requisiti giusti, quelli per cui in ogni fase produttiva (dalla vendemmia all’invecchiamento) si è cercata e raggiunta l’eccellenza che giustifica il prezzo. Poi c’è un’altra considerazione: ci sono denominazioni (Barolo, Barbaresco, Brunello, Franciacorta) che non possono scendere, per ragioni produttive e di mercato, sotto un certo prezzo. Altre denominazioni hanno costi inferiori, ma ciò non significa che siano meno buone. Vuol dire che il produttore vuole proporre un vino alla portata di tutti. L’importante è sempre il rapporto qualità-prezzo. Le guide sono da seguire? Come per gli abbinamenti l’importante è il proprio gusto o il gusto di chi riceverà il regalo. Detto questo, le guide indicano una rotta, con giudizi di esperti.
Perché il vino è affascinante e quindi fornisce una pluralità di interpretazioni, tutte giuste e rispettabili. Regalare un vino è come regalare un libro ed entrare in enoteca è come entrare in libreria. E’ possibile perdersi e incantarsi per ore. Il vino è cultura. Per conoscere un autore bisogna leggere i suoi libri, quindi il modo migliore per conoscere i vini è quello di provarli. Con un criterio: l’Ais da tempo esorta a bere meno e a bere bene. Consumano le giovani generazioni e le donne: il wine bar è diventato un locale di tendenza. Per concludere: ci sono grandissimi vini bianchi e rossi che devono essere bevuti durante un pasto: sono i vini che servono ad esaltare i piatti che stiamo mangiando. I grandi vini sono al servizio delle grandi pietanze. I vini semplici vanno a braccetto coi cibi semplici. Altri vini sono da sorseggiare in poltrona con un libro in mano, altri ancora davanti a un camino, di fronte a tramonti meravigliosi, con la persona che amate di più. Sono i vini che soddisfano l’anima più che il corpo. Sono i vini da meditazione o da conversazione. Quindi se l’amico o l’amica a cui regalate il vino è amante della buona tavola fate mente locale sui suoi gusti e troverete sicuramente la bottiglia che fa al caso vostro.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli