02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Le lettere ... Alcol e incidenti, un Paese ubriaco di regole e poca serietà... Un assassino in auto ha ucciso mio figlio di 25 anni. Era ubriaco (tre volte il consentito) e andava a forte velocità (tre volte il consentito in quel luogo). Aveva una patente di cui non aveva i requisiti. Da parte sua e della giustizia un menefreghismo indecente. E’ stato condannato a un anno con la condizionale, 400 euro di multa e un anno senza patente. Cioè nulla per un omicidio, una famiglia rovinata per sempre ed un dolore infinito. E di casi come questi, di assassini impuniti, ce ne sono a migliaia. Luciano Novi, S. Maria Maddalena (Ro).

Cosa s’inventeranno dopo un altro grave incidente? Le pene corporali in piazza? La frusta a nodi? Un “tutor” ogni 200 metri? Non si vede una pattuglia per strada per giorni, solo infide macchinette nascoste dai paeselli per fare cassa con una babele di limite assurdi e confusi. Il tasso alcolemico? Ho la patente da 30 anni e mai ho soffiato in quel boccaglio. Non si conoscono le leggi attuali, tutt’altro che tenere, e ne paventano di più cattive. Presto ti basterà un solo bicchiere di vino in trattoria, uno solo, per subire un trattamento da un teppista recidivo. No..., questo non è un Paese serio. Fabio Baldrati, Alfonsine (Ravenna).

Risponde Pierluigi Visci
I due lettori segnalano la stessa crisi della giustizia e del rispetto delle regole. Sono d’accordo con il signor Novi, al quale manifesto solidarietà per la sua immensa tragedia, che richiama all’attenzione l’insensibilità dei giudici che trattano burocraticamente un omicidio. Il signor Baldrati mette il dito sull’inasprimento di sanzioni, in assenza di controlli veri. È vero: nono siamo in un Paese serio. Ma lo saremmo di più se evitassimo anche un solo bicchiere prima di salire in auto.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019