02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Il vino Nobile di Montepulciano e la (debole) difesa del made in Italy ... Caro Direttore, ho Letto sulla “Nazione” che il vino Nobile di Montepulciano rischia di perdere la sua identificazione per uno dei soliti inghippi della burocrazia europea. Indipendentemente da come sono andate le cose, se si tratta di errore o cos’altro, quel che mi sembra evidente è che i nostri prodotti di eccellenza enogastronomica non vengono protetti e difesi come si dovrebbe. Paolo L., Siena

Carissimo Paolo, tutti vogliamo sperare che si tratti solo di un errore formale. Ma bene fa il consorzio di tutela del Nobile di Montepulciano a mettere le mani avanti attivando le azioni legali necessarie alla difesa del prodotto. Sono d’accordo con Lei: anche a me pare che si faccia poco, troppo poco, per difendere l’inestimabile patrimonio delle eccellenze enogastronomiche del nostro Paese e del “made in Italy” in generale. La cervellotica burocrazia europea ci mette del suo in una scena mondiale che vede le produzioni di qualità già gravemente minacciate da una concorrenza, cinese in particolare, che non si fa certo grandi scrupoli nel taroccare identità e marchi che hanno impiegato decenni, se non secoli, per affermarsi. Su questo terreno si gioca una partita decisiva per una voce che sarà sempre più importante nell’economia nazionale. E giocare di rimessa, a occhio e croce, non mi sembra una tattica vincente.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli