02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

“Chi ricorre all’alcol o si impasticca è uno sfigato” ... Firenze la giornata del bere consapevole organizzata da “generazioni contatti”... “Ritengo che non ci sia niente di esaltante nel dover far riferimento ad una sostanza esterna per essere all’altezza di una serata. E’ fondamentale far capire ai ragazzi che chi si ubriaca o si impasticca non è un vincente, ma uno “sfigato”. Il vero ribelle è chi non ha bisogno di alcun tipo di sostanza per gustare appieno le emozioni che la vita sa regalare”. Nemmeno il Ministro della Gioventù Giorgia Meloni ha voluto far mancare il suo saluto, per lettera, alla Giornata del Bere Consapevole, organizzata a Firenze nell’aula magna dell’Istituto di Scienze militari aeronautiche dall’associazione Generazioni Contatti con il patrocinio del Comune di Firenze e della Regione Toscana e la partecipazione de La Nazione, dell’Università degli Studi di Firenze, della Banca del Chianti e del Lions Club Galileo Galilei Medio Valdarno. L’iniziativa ha davvero il sapore buono delle idee che nascono, si intrecciano e danno vita a qualcosa di imponente. Di concreto. Un piccolo assaggio c’era già stato venerdì sera con decine e decine di ragazzi che davanti al Moyo di Firenze avevano brindato alla vita in compagnia dell’eccezionale Marchin’ Band dei Funk off, del presentatore Gaetano Gennai, della coppia di comici Tafu&Togna e di Sergio Staino che ha autografato le magliette del progetto. Ieri, dopo i saluti del comandante Isma, generale Claudio Salerno, il benvenuto del presidente dell’associazione Generazioni Contatti Matteo Lucherini che ha ricordato l’obiettivo primario del lavoro svolto e da svolgere, e cioè quello “di diffondere la cultura del saper bere e l’uso dell’etilometro”. Il vice direttore de La Nazione Mauro Avellini invece ha sottolineato “l’impegno, la passione e l’intelligenza” con cui l’associazione si è mossa e gli importanti traguardi raggiunti, anche in compagnia de La Nazione, “che ha sempre cercato di ascoltare i giovani e creato spazi di interazione utili al progetto”.
Gli oltre 300 ragazzi, divertiti dalla brillante conduzione di Gaetano Gennai, sono rimasti colpiti dall’intervento dell’assessore alla mobilità Massimo Mattei: “Nessuno di noi è perfetto, a tutti è capitato almeno una volta di. bere un po’ di più. Ma sappiate ragazzi, che se avete sfiorato anche di poco il limite stabilito dalla legge e vi mettete alla guida, è come se lo faceste con un fucile puntato contro”. L’attenzione degli studenti è stata catturata anche dalle parole di Stefano Guarnieri, che ha sottolineato i punti cardine del rivoluzionario progetto David “Il nostro obiettivo - le sue parole - è quello di salvare 58 vite in 10 anni” e del prefetto Paolo Padoin, secondo il quale “iniziative come questa sono uno stimolo molto importante per migliorare il mondo in cui viviamo: sono fermamente convinto della necessità di maggiori controlli e dell’inasprimento delle pene”. Numerosi gli ospiti, tra i quali Robert Shackelford della Harding University Firenze, Carlo Sorrentino delegato del rettore dell’Università di Firenze e calorosissimi gli applausi. Come quelli al comandante della Scuola aeronautica militare, generale Pasquale Preziosa: “C’è tanto lavoro da fare e ognuno di noi ce la deve mettere tutta perché solo intervenendo su più fronti e con più mezzi si può sperare in un futuro con atteggiamenti più responsabili e con meno incidenti”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli