02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Grandi Bottiglie a piccoli prezzi ... Un Barbera in purezza ... I vini dei Colli piacentini sono un po’ personaggi in cerca d’autore. Grande territorio, rossi e bianchi di stoffa e di tradizione, grandissimi passiti ma poca voglia di emergere, indole appartata e schiva un po’ come tutta la marca piacentina, che non è più Emilia e non ancora Lombardia. Non c’è dubbio comunque che questo territorio di frontiera meriterebbe di più, a dispetto di una denominazione poco distintiva, un p0’ troppo pletorica di tipologie di vino. Elena Pantaleoni è sicuramente tra gli ‘autori’ di questo terroir.
La sua azienda, La Stoppa, 30 ettari di vigna sui declivi della vai Trebbiola, è da centinaia d’anni factory enologica. Il rinnovamento verso qualità, autoctoni e gestione biologica inizia nel 1973 quando la famiglia Pantaleoni subentra nella gestione. Poche (saggiamente) le linee aziendali, tra uve autoctone (malvasia di Candia aromatica, barbera e bonarda) e internazionali ‘storici’ come Cabernet sauvignon, merlot e semillon. Fra le eccellenze della maison lo straordinario Vigna del Volta, da malvasia appassita al sole, come una volta. Ma l’uva rossa più coltivata nel Piacentino è la barbera. La Stoppa è uno dei pochi che ‘osa’ barbera in purezza. E fa bene. Questo 2005 (un anno in barriques usate e 2 in bottiglia) è di una freschezza coinvolgente. Bel naso balsamico, bocca morbida, di grande equilibrio. In enoteca sui 15 euro.

Barbera della Stoppa, La Stoppa

Info:www.lastoppa.it

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli