02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Effetto gelo sulle famiglie Alle stelle i costi della spesa ... Facciamo un po’ di conti. Secondo Federconsumatori e Adusbef, il maltempo porta a 132 euro in più di spesa per ogni famiglia. Vuoi per manovre speculative, vuoi per la difficoltà di riempire i banchi delle botteghe. Entriamo nel dettaglio aiutandoci con le cifre di Casper, il Comitato contro le speculazioni e per il risparmio. Ne fanno parte associazioni come Adoc, Codacons, Movimento difesa del cittadino e Unione nazionale consumatori. A gennaio un chi- lo di insalata lo pagavi 2 euro. Oggi, dopo (e durante) il maltempo, spendi 5 euro e 50. Aumento del 175 per cento. Arance: ora costano 2,30 euro, il mese scorso 1 (più 130 per cento). E via elencando: le mele più 108 per cento (da 1,20 a 2,50), le pere da 1,20 a 2,80 (aumento del 133), le melanzane da 2 euro a 4,20 (più 110). Il Casper presenterà un esposto a 104 procure della Repubblica chiedendo di indagare per il reato di aggiotaggio e individuare i responsabili dei rincari. Una speculazione, sostiene Casper, “che puntualmente si verifica in Italia in caso di neve e gelate. I rincari raggiungono quota +200 per cento specie nell’ortofrutta”.
Che il quadro generale sia preoccupante viene confermato anche dalla Cia, la Confederazione italiana degli agricoltori: “Maltempo, agricoltura stravolta. E dal campo alla tavola la speculazione fa lievitare i prezzi della frutta e ortaggi anche dieci volte”. Ancora: ci sono “carciofi proposti alla vendita anche a 1,50 euro a pezzo”. L’associazione degli agricoltori, dopo aver puntigliosamente elencato i motivi di un’ondata di maltempo che “si sta trasformando in un vero disastro per l’agroalimentare italiano” (cifre impressionanti: i danni superano i 150 milioni di euro, di cui il 70 per cento nella sola agricoltura), attacca: “Purtroppo, come troppe volte accade in questi frangenti, le manovre speculative sui prezzi dei prodotti freschi non si è fatta attendere”. In tal senso, quindi, si sollecitano le “autorità competenti a intervenire, anche perché le quotazioni sui campi non hanno subito alcun aumento negli ultimi mesi”. E’ “intollerabile” che si sia assistito in tre giorni a incrementi “di oltre il 100 per cento”. La Cia, oltre ai carciofi, cita, come caso emblematico, le zucchine “arrivate anche a 8 euro al chilo”. Drammatico pure l’allarme di Coldiretti. Si registra un taglio del 20 per cento negli acquisti quotidiani di frutta e e verdura per aumenti e perché il maltempo impedisce la consegna lasciando vuoti gli scaffali delle botteghe. Coldiretti dà anche un consiglio: “Tagliare quando è possibile le intermediazioni e rivolgersi direttamente ai produttori”. Non solo: “Un aiuto viene dal servizio sms consumatori” che attraverso un “messaggino” “al numero 47497 fornisce i prezzi più congrui per i diversi prodotti al nord, al centro e al sud Italia”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019