02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

La dieta giusta contro il freddo. Così il cibo ci protegge dai malanni … La nutrizionista: bene pesce e kiwi ma anche cioccolato e vino rosso ... Proteggerci dal freddo indossando un abbigliamento più caldo e riscaldando gli ambienti dove viviamo è da sempre un atto spontaneo. A maggior ragione negli ultimi anni, essendo venuta a mancare la preparazione naturale ai cambi di temperatura che ci regalavano le stagioni dimezzo. Ma coprirsi non basta: l’alimentazione è un fattore basilare per tutelare l’organismo dall’interno, anche per rinforzare le difese immunitarie in vista delle probabili malattie influenzali e da raffreddamento. Evelina Flachi, nutrizionista e biologa, specializzata in scienza dell’alimentazione, consiglia in questo periodo l’immuno-nutrizione: “Scegliete una serie di alimenti come il pesce - soprattutto quello azzurro - che contiene omega 3, il latte e derivati, e la carne, che apportano zinco, glutamina e arginina. Importante anche il resveratrolo, presente nella buccia dell’acino d’uva, nei pinoli, negli anacardi. E ancora: consumate il miglio che ha un’azione energizzante e agrumi, kiwi e ortaggi a foglie verdi che contengono vitamina C, preziosa per la sua azione antiossidante e quindi anti virale”. Aumentare l’apporto calorico? Non è il caso, anche se nel periodo invernale, e soprattutto in quello natalizio, gli eccessi alimentari sono all’ordine del giorno: un’ulteriore conferma la troviamo nell’indagine effettuata dall’Osservatorio Grana Padano sulle abitudini degli italiani durante le feste: si consumano più olio, vino e superalcolici, salse, salumi e frutta secca. “Le persone non conoscono il valore calorico degli alimenti, soprattutto dei grassi, dei salumi e dei condimenti - spiega la Dott.ssa Michela Barichella, responsabile medico SS Dietetica e Nutrizione Clinica ICP Milano - e ricordo che non si deve abusare dell’olio perché ha un valore calorico elevato (a parità di peso più del burro), anche se le linee guida della corretta alimentazione consigliano di prediligere i grassi di origine vegetale rispetto a quelli di origine animale, perché questi intimi contengono colesterolo: occorre sempre fare attenzione alle calorie”. E i dolci? Nelle loro varie forme - torte, paste, caramelle e cioccolato - ricco di sostanze antiossidanti e antidepressive come il vino rosso - hanno un così forte significato di gratificazione, e conforto in periodi di supermenage e stress, che è difficile proibirli. La soluzione sta sempre nella quantità: astenersi dagli eccessi evidenzia le valenze positive, evita problemi all’apparato digerente e il rischio della dipendenza.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli