02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Vino, la storia dell’uomo. A Firenze gare e talk show ... Confronti e qualità al Congresso Nazionale dell’Ais ... Che cosa può accomunare un campione del mondo di ciclismo, un re del tessuto, un imperatore del caffè con la passione per le foto, un big della fotografia e un televolto che entra ogni sera nelle case degli italiani? Semplice: il vino. Quattro lettere per una paroletta che attraversa tutta la storia dell’uomo, almeno fino dai tempi di Noè (sua la prima clamorosa “ciucca” delle cronache...), e oggi disegna una delle mode più dilaganti. Capace di fare grandi numeri in termini di turismo, di commercio, di export. Di passione. La stessa, appunto, che accomuna quei quattro vip. Francesco Moser, Arnaldo Caprai, Francesco Illy, Oliviero Toscani, presi per mano da Cesara Buonamici: ovvero, come il vip diventa imprenditore del vino. E’ il tema di un talk show, uno dei momenti-clou - domattina alle 11,30 - di Wine in Progress, il mega-evento per wine lovers d’ogni tasca e d’ogni età disegnato intorno al Congresso nazionale dell’Ais, l’Associazione italiana dei sommelier. Due giorni di degustazioni, assaggi, parole di vino ma anche stand di cibi e olio di gran qualità, conversazioni sul clima, fumate di toscano, perfino uno spettacolo messo in scena proprio dai sommelier e intitolato, non a caso, In vino varietas: tutto questo oggi e domani dalle 9 alle 21 alla Stazione Leopolda di Firenze. Roba da appassionati, certo. E a loro sono dedicati i due “contest”. Due vere e proprie gare, e per vincerle ci vuole abilità ed esperienza: si tratta di riconoscere vini “alla cieca”, e ovviamente la difficoltà aumenta via via che si passano le eliminatorie. Premi importanti: chi non è socio dell’Ais potrà vincere l’iscrizione a un corso triennale per diventare sommelier; chi è già socio porterà a casa una magnum di Coevo, raffinato rosso di recente creazione della famiglia Cecchi. Tutto questo accade oggi dalle 12 alle 17, e tutti i partecipanti concorrono all’estrazione di un soggiorno in un esclusivo resort. Poi c’è il vino, ovviamente. Con gli stand di 250 aziende (160 sono toscane) tra le più rappresentative e importanti. Con le degustazioni guidate a tema: sono sedici, si va dagli champagne ai Bolgheri, dal barolo agli spumanti trentini, dal Chianti alla Campania e all’Umbria. C’è l’olio, con il “maestro” lucchese Fausto Borella che insegna a capirlo e riconoscere quando è buono davvero. E il resto: una tavola rotonda di grande interesse con Attilio Scienza e altri esperti su Vino e cambiamenti climatici; le “disfide della ciccia” tra macellerie di tutta Italia in forma di show cooking (più altri due con Marco Stabile e Andrea Magi). E il Racconto di un sommelier, con il campione del mondo Luca Martini, aretino, e Antonella Pinchiorri. Un nome che è da solo una storia.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli