02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Il Chianti Classico riparte dal passato. Gallo Nero, la sfida diventa globale ... Una bella signora bionda “autoctona”, un sorridente signore romano di nascita ma ormai adottato e ben radicato nelle dolci colline senesi. Una fetta importante del Vigneto Toscana sceglie la continuità nella nomina dei nuovi vertici: il Consorzio San Gimignano, quello della Vernaccia, prima doc d’Italia
ma vino cantato già dai grandi poeti del Medioevo, sceglie per il terzo mandato consecutivo da presidente Letizia Cesani, titolare della celebre azienda di famiglia. Il Chianti Classico, che tanti consensi sembra riscuotere soprattutto sui mercati d’Oltreoceano, affida le sorti dei suoi prossimi tre anni ancora a Sergio Zingarelli, 56 anni, proprietario di Rocca delle Macie -a Castellina in Chianti, figlio di Italo famoso produttore -cinematografico, e già da vent’anni nelle “stanze dei bottoni” del Gallo Nero.
Zingarelli, appassionato d’arte e di lirica ma anche tifoso di calcio e pallavolo nonché negli anni recenti protagonista di maratone in giro per-il mondo, è stato-eletto dal rinnovato consiglio del Consorzio, che ha rinominato, oltre a lui, 14 membri su 21: Luigi Giovanni Cappellini (Castello di Verrazzano); Sebastiano Capponi (Villa Calcinaia); Renzo Cotarella (Marchesi
- Antinori); Giovanni Manetti (Fonmdi); Tommaso Marrocchesi (Tenuta di Bibbiano); Carlo M. Mascheroni (Castello di Volpaia); Filippo Mazzei (Mazzei spa); Alessandro Palombo (Luiano); Giovanni Poggiali (Felsina); Enrico Pozze- si (Rodano); Ivano Reali (Beringer Blass srl); Francesco Ricasoli (Barone Ricasoli); Giulio Ruspoli (Lilliano); Sandro Sartor (Ruffino); Michele Zonin (Castello d’Abola). Fanno il loro ingresso nella “squadra” Alessandra Casini Bindi Sergardi (Bindi Sergardi); Francesco Coipizzi (Castelli dei Grevepesa); Duccio Corsini (Villa Le Corti); Andrea Cecchi (Cecchi); Davide Profeti (San Felice). “Con orgoglio ed entusiasmo - dice Zingarelli - mi appresto ad affrontare questo nuovo triennio da presidente del Consorzio Chianti Classico, posizione difficile ed impegnativa ma che mi onora e gratifica, soprattutto quando-a parlare sono i risultati ottenuti in tre anni ricchi di iniziative”. Molti motivi di soddisfazione anche per Letizia Cesani. “L’inizio di questo nuovo triennio - spiega - coincide con una ricorrenza importante, i cinquanta anni della doc Vernaccia di San Girnignano. Ci auguriamo che siano il punto di partenza per ulteriori 50 anni ricchi-di soddisfazione e crescita per l’intera denominazione: -la parola chiave dei prossimi tre anni sarà di nuovo crescita intesa in senso globale, della denominazione e qualità dei vini, della consapevolezza dei -produttori delle potenzialità del territorio e del vitigno, da tradurre in un rafforzamento della Vernaccia di San Gimignano sui mercati nazionali e internazionali, in un riconoscimento delle sue qualità che si traduca anche in un riconoscimento del suo valore economico”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli