02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

Addio a Tachis, principe degli enologi e del Rinascimento del vino ... È morto ieri dopo una lunga malattia Giacomo Tachis, 82 anni, il re degli enologi. Piemontese, originario di Poirino (Torino), dopo gli studi alla Scuola di enologia di Alba ha lavorato per lunghi anni in Toscana e in Sardegna, fino a ritirarsi dall’attività di winemaker nel 2010 per dedicarsi, nella sua casa di San Casciano Val di Pesa, alla custodia di antichi volumi da appassionato bibliofilo. Tachis si è sempre definito ironicamente un “mescolavino” ma il celebre enologo è di fatto il papà, l’inventore di grandi vini come i “supermscan” Tignanello, Solaia, Sassicaia, e in Sardegna il Terre Brune e Turriga. “Tutto il mondo del vino si inchini” scrivono dal Gambero Rosso in un tweet.
Storico direttore delle Cantine Antinori per 32 anni, ha saputo condurre, come ha ricordato il marchese Piero Antinori nel nuovo libro “Tignanello. Una storia toscana”, scelte audaci e innovative: per quel vino, ora sulle tavole dei grandi del mondo, la prima volta venne superato il disciplinare della zona (il Chianti Classico), si utilizzò la fermentazione malolattica e si passò all’invecchiamento in barriques, anziché in botti. Nel 2014 a Tachis fu conferita la medaglia d’oro con il simbolo del Pegaso, massima onorificenza della Regione Toscana, consegnata alla figlia Ilaria perché già impossibilitato a muoversi.
In quella circostanza Antinori disse: “Riconoscimento meritatissimo, e lo dico a nome di tutti i colleghi toscani e da italiano, perché tutti noi dobbiamo essere molto, ma molto grati a Tachis per la sua opera”. Grati anche per la carica d’ottimismo che l’enologo riconosciuto come il fautore del Rinascimento italiano dava al settore. Tachis amava ripetere: “Il vino non conoscerà mai crisi perché la gente lo beve e lo berrà sempre”.

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli