02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione / Il Giorno / Il Resto Del Carlino

“Donne e vino”, al bando i maschi astemi ... In venti cantine e luoghi del vino in tutta la Toscana, si celebra oggi per la prima volta la Festa delle “Donne del Vino” Del resto, ormai da tempo le donne sul vino hanno parecchio da dire. Dalle ultime statistiche risulta che il 41% dei consumatori è donna e che,nell’ambito enologico, il ruolo femminile è sempre più rilevante. Le produttrici rappresentano oltre il 30 per cento delle aziende italiane (e apprezzano e producono vini dai profumi molto diversi rispetto a quelli delle aziende tradizionalmente maschili), le sommelier hanno superato il 40%. E poi le donne bevono meno spesso, ma in modo più attento e usano il vino come strumento di socializzazione e persino di emancipazione. Sempre più spesso spetta a una lei scegliere il vino al ristorante e persino a provarlo prima del servizio. Tant’è che le bevitrici in rosa hanno smesso di sentirsi in imbarazzo e c’è persino, fra i maschi, chi le trova sexy. Le consumatrici italiane sono per metà laureate o diplomate, hanno iniziato a bere vino intorno ai 20 anni, non privilegiano le bottiglie della propria regione e se sono esperte assaggiano volentieri anche i vini esteri. In linea di massima le donne preferiscono i vini freschi e fragranti, come le bollicine di cui sono grandi consumatrici e, in seconda battuta i rossi corposi. Il gentil sesso vorrebbe comprare vino in enoteca e, se è veramente un’esperta lo fa, anche se lo shopping in rosa di vino avviene ancora prevalentemente nella grande distribuzione. Il 61% delle donne che amavano bere vino dice no all’uomo astemio, ritenuto poco attraente. Invece il maschio che apprezza il vino è visto come ricco di cultura (32%), interessante (26%), divertente (24%). E ben il 74% delle donne apprezza bere vino con il proprio partner.
Di qui il successo della festa delle “Donne del vino”, appuntamento nato da un’idea di Donatella Cinelli Colombini, neo presidente nazionale dell’Associazione Donne del Vino che raggruppa produttrici, enologhe, enotecarie, giornaliste, esperta e sommelier, legate al mondo del vino al femminile. il tema di quest’anno è “Il vino in tavola” e si va dal corso di bon ton a tavola, all’abbinamento vino e cibo (rigorosamente fatto tra chef, produttrice e sommelier donna), passando per veri e propri corsi su come si comunica il vino alle donne.
Oltre venti cantine condotte da donne daranno vita a un evento che “vale anche una scommessa - dice la Presidente delle Donne del Vino e ideatrice dell’iniziativa, Donatella Cinelli Colombini - ma che potrà essere un punto di riferimento nel tempo per sviluppare un cambiamento di approccio delle consumatrici di vino che sono sempre di più e sempre più esigenti”. L’Associazione Nazionale Le Donne del Vino è nata nel 1988 proprio grazie all’idea di una produttrice toscana, Elisabetta Tognana, e conta 650 iscritte in tutta Italia (80 in Toscana) che rappresentano tutte le categorie della filiera vitivinicola, dal vigneto alla cantina, dalla tavola alla comunicazione. il calendario dei 15 eventi (Firenze, Siena, Grosseto, Prato e Livorno) è consulta- bile su www.festadonnedelvino.it

Copyright © 2000/2021


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2021

Altri articoli