02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Nazione

Cantine aperte. Toscana al top ... Erano altri tempi quando le cantine vinicole erano viste come l’antro oscuro di un mago dove veniva fatto il vino misteriosamente, senza che il segreto fosse svelto ai comuni mortali. Da diciotto anni si svolge “Cantine aperte” che le ha rese accessibili e dato a tutti la possibilità di assaggiare vini, ma anche di scoprire cosa c’è dietro ad una bottiglia. Domenica 29 in Toscana saranno 86 le aziende vitivinicole che apriranno le porte agli enoturisti e l’aspettativa è quella di raddoppiare le presenze dell’anno che ha registrato un grande successo dal momento che nelle cantine socie del “Movimento turismo del vino Toscana” sono entrati oltre mille visitatori. La maggiore concentrazione sarà nelle zone di Siena e Arezzo con le aziende di punta del Chianti Classico, Montalcino e Montepulciano ma non mancheranno vini provenienti da Pisa e Livorno e Montopoli Valdarno, quelle di Bolgheri e Suvereto con Fornascelle, Le Grescete e Podere Guado al Melo, le maremmane capitanate dalla Tenuta agricola dell’Uccellina e quelle della Val Di Cornia con il Guado del Re in testa. E ancora le colline pistoiesi, Lucchesia e venti aziende fiorentine; da Castelvecchio alle cantine da Vinci. Particolare attenzione ai giovani, dai 30 ai 40 anni che ogni anno di più affollano le cantine per scoprire ìl patrimonio rurale delle vigne toscane. A loro in particolare si rivolge il nuovo sito web www.mtvtoscana.it dove si potranno trovare i tanti eventi collaterali organizzati in occasione della manifestazione come i concerti e le lezioni di cucina.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Pubblicato su

Altri articoli