02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Quel Veneto che sorprende con il Custoza … Regione tra le più vocate, il Veneto ha una superficie totale di 1.834.500 ettari, caratterizzata da un 56,4 % di pianura, un 28,1 % di territorio montuoso seguito da 14,5 % di collina e 158 km di costa di cui 93.900 ettari vitivinicoli. L’attività vitivinicola si estende tra le province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona e Vicenza. Tra le microaree che caratterizzano il territorio, una delle più interessanti appare quella del Custoza Doc, territorio che si estende tra il Lago di Garda e la città di Verona, per un totale di circa 1.200 ettari, suddivisi su nove comuni. Nell’area del Custoza Doc vengono prodotti circa 12 milioni di bottiglie l’anno e il vino si ottiene vinificando almeno il 70 % dei tre vitigni simbolo del territorio: Garganega, Trebbianello e Bianca Fernanda. A questo proposito, propongo tre vini da degustare, di tre diverse cantine, ciascuno con caratteristiche che rendono la degustazione piacevole e peculiare. Il primo: azienda agricola Gorgo, “San Michelin” 2021 Bianco di Custoza Doc, biologico, età media viti: oltre 45 anni. Il blend è composto da 40% Garganega; 30% Trebbiano; 30% Cortese. Molto gradevole al naso, con aromi di fiori bianchi, pera e pompelmo, fruttato con sentori. di albicocca, succoso, ricco di finezza ed elegante con un finale molto delicato. Il secondo: azienda agricola Cavalchina, “Amedeo” 2021 Bianco di Custoza Superiore Doc, età media viti: 20 anni. In questo caso abbiamo 40% Garganega; 30 % Bianca Fernanda; 15% Trebbiano; 15% Trebbianello. Un vino che esprime eleganza e finezza, al naso si possono sentire aromi floreali e agrumati, al palato bella rotondità, sapidità e freschezza, note minerali, tannini morbidi e finale deciso con sentori di cedro, grande potenziale. Il terzo: azienda agricola Albino Piona, “Albino Piona” Custoza Superiore Bianco del Selese Doc, età media delle viti: 20 anni. Ricco l’uvaggio a base di 30% Garganega; 30% Trebbiano; 15% Trebbianello; 15% Cortese; 10% Incrocio Manzoni. Siamo di fronte a un vino complesso, con sentori di frutta rossa, elegante con note agrumate, floreali e esotiche al naso, in bocca avvolgente, con tannini morbidi e un finale lungo che evoca aromi di mandorle.

Copyright © 2000/2022


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2022

Pubblicato su

Altri articoli