02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica / Affari&finanza

Lamborghini, il lusso in un caffè ... Tonino Lamborghini corre in pole position a Dubai con una catena di locali. Ai nastri di partenza il nuovo progetto immobiliare del gruppo bolognese che, per mettere radici in Medio Oriente, ha stretto un’alleanza con la Retailcorp, una società di Dubai operante nel retail e nella ristorazione. Obbiettivo: realizzare a medio termine almeno trenta locali, fra caffè e ristoranti, di cui il primo aprirà a fine mese, in alcuni degli hotel e centri commerciali più in vista e rinomati del Medio Oriente per presidiare in queste zone il mercato del lifestyle tricolore.
Dopo il rodaggio positivo dei due spazi aperti a Praga e Pechino, di uno a Granz e di due in Italia, a Cassino e Rimini, Tonino Lamborghini esporta il suo nuovo concept di cafféboutique nel resto del mondo. L’approccio è innovativo e accattivante perché, accanto all’offerta di caffè e delicatezze alimentari, prevede all’interno di questi locali, strutturati sulla falsariga del museo Ferruccio Lamborghini di Dosso (Fe) la presenza di veri e propri corner o boutique dedicate ai prodotti di lusso targati Tonino Lamborghini come linee di abbigliamento, accessori hitech, orologi, oggetti di design, profumi e occhiali. Una vetrina praticamente esaustiva e completa di quanto di meglio attualmente il made in Italy ha da offrire.
Da tempo, non a caso, il marchio Tonino Lamborghini, le cui collezioni sono distribuite in oltre 15.500 punti vendita e 90 corner monomarca nel mondo, è sinonimo non solo di moda e accessori ma anche di prodotti enogastronomici che spaziano dalle specialità vinicole a quelle spiccatamente alimentari come il caffè di qualità, l’olio extravergine di oliva, l’aceto balsamico, la pasta e le salse. “Il mio intento - spiega Tonino Lamborghini - è quello di creare delle vere e proprie case Lamborghini nel mondo all’interno delle quali gli estimatori della nostra filosofia possono trovare l’intera gamma delle nostre proposte con un tocco tipicamente italiano. Dubai e il Medio Oriente mi sembrano il mercato perfetto per i miei prodotti e i miei caffè, considerata l’economia estremamente dinamica e competitiva e l’alto livello di servizi per i quali godono ormai di una reputazione internazionale”.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli