02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Un castello per Berlusconi: ieri la visita al maniero che ha cinque ettari di vigneti nel cuore del Brunello. Il premier ha comprato la Velona a Montalcino ... Silvio Berlusconi diventa produttore di Brunello. Il presidente del Consiglio ha acquistato a Montalcino il Castello della Velona, uno dei manieri più affascinanti del territorio del Brunello, con cinque ettari di vigneto. Il passaggio tra Silvio Berlusconi e il precedente proprietario, Luigi Piermartini, è avvenuto giovedì a Roma. La notizia, lanciata in anteprima da Winenews (www.winenews.it), è stata confermata dallo stesso Piermartini al sindaco Ds di Montalcino Massimo Ferretti. Ieri pomeriggio il presidente del consiglio ha fatto una rapida apparizione nella terra del Brunello ed è stato fotografato all´ingresso della Rocca di Montalcino.
«Mi sono comprato un castello in Toscana», aveva confidato radioso ad amici e colleghi di partito giovedì alla cena per il compleanno del senatore Lino Jannuzzi. Più appassionato di mare che di campagna, come dimostra la moltiplicazione delle sue ville in Sardegna, sembra tuttavia che Silvio Berlusconi sia stato attratto dal fascino delle colline senesi perché è un estimatore del Brunello e soprattutto perché il Castello della Velona, che è stato perfettamente restaurato dal precedente proprietario, con le sue venti camere per gli ospiti, le ampie sale, i caminetti, la piscina e tutti i possibili comfort, potrebbe trasformarsi in un luogo ideale per riunioni politiche ed incontri ad alto livello a due ore di macchina da Roma.
Situato nei pressi della Abbazia di Sant´Antimo, al centro di un ampio anfiteatro collinare che guarda il Monte Amiata, costeggiato dal fiume Orcia e circondato da boschi alternati ad oliveti e a vigneti, il Castello della Velona ha attualmente in produzione cinque ettari a Brunello di Montalcino. Le prime 5.000 bottiglie prodotte da Berlusconi (che in futuro dovrebbero salire a 30.000) saranno dell´annata 2002 e andranno in commercio nel 2007.
Montalcino è da sempre uno dei comuni più rossi d´Italia. Ma Berlusconi - assicura il sindaco - sarà accolto a braccia aperte. La scelta del presidente del consiglio - commenta l´assessore al turismo Franco Pazzaglia - «è la dimostrazione che la qualità e l´immagine di Montalcino premiano». Particolarmente lieto dell´arrivo di Berlusconi è Franco Biondi Santi, nome storico del Brunello, che nel ´94 fu candidato al Senato per Forza Italia. Il presidente del consiglio sarà vicino di casa di Ezio Rivella, enologo-imprenditore e presidente dell´Unione Italiana Vini (l´associazione degli imprenditori del vino), che di recente ha acquistato l´azienda di Pian di Rota, che confina con la Velona.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli