02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Parla Fulvio Pierangelini. “Si beffano di noi con leggerezza” ... Fulvio Pierangelini ha smesso da tempo di pensare alla terza stella, “perché evidentemente non rientro nelle loro categorie”.
Eppure lei è un grande cuoco di successo.

“E probabilmente ci si diverte più da me che in un ristorante di Dresda. In Francia sono adorato sia dai giovani cuochi che dai grandi vecchi, vengo invitato nelle trasmissioni tv più interessanti”.
E allora?

“Allora forse non siamo in linea con i loro desideri, forse i nostri ristoranti non sono abbastanza borghesi“. Dicono che a volte siamo un po’ farfalloni “Troppo facile dire che è solo un problema di credibilità. È come dire che un Chateau Margaux non vale perché non ti piace la controetichetta”.
C’è un filo rosso che lega queste penalizzazioni?
“E evidente che i cuochi di carattere non vengono premiati. Forse pensano che i clienti della Michelin sono delle pappemolli. Il risultato è che ci snobbano.
“Questo è certo, hanno impiegato quarant’anni a mandare degli ispettori a Venezia! A volte assumono espressioni di incredulità per il livello che abbiamo raggiunto”.
Forse c’è dell’altro.
“Lo credo anch’io. In realtà, credo che questo snobismo corrisponda al nostro peso economico e morale, un fardello di poca credibilità che ci portiamo dietro da anni. Pensano che di noi ci si può far beffa senza pagare dazio. Chissà quanto ci vorrà prima che si accorgano di quanto sbagliano”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli