02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Il Grand Tour dei sapori d’autunno … Fino a dicembre il Wine Food Festival: un lungo percorso enogastronomico che tocca Piacenza, Parma, Comacchio, terre d’eccellenza di lambrusco e prosciutto, parmigiano e anguille. Gustare per credere. Lo scorso anno la rassegna ha registrato un milione e mezzo di visitatori. Non dimenticate il pesce e il mare: tra i cinquanta eventi c’è anche Cesenatico … Quello proposto dal Wine Food Festival Emilia Romagna, alla sua terza edizione, è un Grand Tour, un lungo percorso enogastronomico alla scoperta non solo dei sapori e dei prodotti della regione, ma anche della storia e delle tradizioni di questa “terra eccellente”, come la definì Goethe nel suo Viaggio in Italia. La manifestazione, promossa dagli assessorati regionali del Turismo e dell’Agricoltura in collaborazione con l’Apt Servizi dell’Emilia Romagna, andrà avanti fino all’11 dicembre. Tocca città come Bologna, Ravenna, Ferrara, Modena, Piacenza, Parma, Reggio Emila, centri come Mesola, Carpi, Imola, Correggio, e località costiere come Comacchio e Cesenatico. Nei quasi cinquanta appuntamenti, tutti dedicati ai sapori dell’autunno, si parlerà anche di storia dei prodotti. Il primo e 2 ottobre, a Zola Predosa (e a Bologna il 30 settembre), con la manifestazione Mortadella please, tra degustazioni, concerti e incontri, si festeggeranno i 350 anni del bando emanato dal cardinale Farnese per tutelare la “regina” della gastronomia bolognese. Nei weekend di novembre, nel parmense, terra di Verdi e Guareschi, lungo la strada del Culatello di Zibello, tra Castellina di Soragna, Colorno, Sissa, Roccabianca e Zibello, si potranno assaggiare i culatelli delle aziende artigianali e parlare della loro storia; gli appuntamenti sono: Novembre Porc e Maiali...Amo. Sembra che i primi salumi stagionati di questa parte eccellente della coscia suina siano stati prodotti nel Trecento; ma la prima testimonianza scritta risale al Settecento, quando l’arcivescovo di Fidenza reclamò in una lettera l’invio di “culacce”, ovvero di culatelli.
L’Emilia Romagna è la patria del lambrusco, rosso di cui parlavano già Catone e Plinio: verrà festeggiato a Correggio, luogo natale dell’omonimo pittore, con l’appuntamento Il Raccontavino, il 15 e il 16 ottobre; i produttori faranno conoscere al pubblico la produzione locale. Il parmigiano Reggiano, altra eccellenza regionale, tra musica e degustazioni, sarà protagonista dell’appuntamento Parmigiano Reggiano...da gustare, a Lama Mocogno, in provincia di Modena, dal 30 settembre al 2 ottobre. Connubio di motori e sapori, in questa terra dove la velocità è una religione, sarà la festa Gran Premio del Gusto che si svolge a Maranello il 2 ottobre; tra i prodotti, l’eccellente aceto balsamico tradizionale. Di balsamico tradizionale di Modena si parlerà anche a Spilamberto (dove è presente il Museo dedicato al Balsamico), dal 30 settembre al 3 ottobre, nella manifestazione Vetrine, motori e balsamici sapori, dove si assisterà al rito della bollitura del mosto.
Grande spazio al mare con la Sagra dell’Anguilla a Comacchio dal 1° al 9 ottobre e con la manifestazione Autunno a Cesenatico. Il pesce fa festa dal 29 ottobre al primo novembre. Lo scorso anno, il festival, alla sua seconda edizione ha registrato un milione e mezzo di visitatori che, insieme alle degustazioni di salumi, tartufi, castagne, pane tipico, piadine, formaggi e olio, hanno scoperto città d’arte, borghi storici e località balneari vivaci anche in autunno.


Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli