02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

La Repubblica

Dall’agronomo al bioarchitetto la rivincita dei mestieri green che fanno crescere l’Italia ... Tre milioni di posti di lavoro e il 61 per cento delle nuove assunzioni nelle aziende che hanno investito in prodotti e tecnologie eco-compatibili... Lo studio di Fondazione Symbola e Unioncamere: tradizionali o hi-tech, le imprese amiche dell’ambiente sono le più competitive... Un’azienda su cinque ha scommesso sul green. In questo gruppo di eco investitori tre su dieci hanno portato a casa un’innovazione e il 18 percento ha visto crescere il proprio fatturato nel 2013 facendo salire la cifra dei green jobs italiani a quota 3 milioni. Sono alcuni dei numeri di Green Italy 2014, il rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere che verrà presentato la prossima settimana. È un affresco che rappresenta un panorama ampio, che va dai settori più tradizionali a quelli hi-tech, dall’agroalimentare all’edilizia, dalla manifattura alla chimica, dall’energia ai rifiuti. In tutto 341.500 aziende dell’industria e dei servizi, con almeno un dipendente, che hanno investito negli ultimi 5 anni o investiranno quest’anno in prodotti e tecnologie green. Questo raggruppamento di imprese ha un profilo decisamente più competitivo della media. Il 19,6 per cento esporta stabilmente, contro il 9,4 per cento di chi non investe. Sono numeri che danno forza al lavoro. Nel 2014 le aziende italiane dell’industria e dei servizi hanno programmato di assumere 50.700 figure professionali green e 183.300 figure con competenze ambientali. In tutto fanno 234mila assunzioni, il 61 per cento del totale. Del resto questa è la prospettiva europea. Di qui al 2020, secondo la Commissione, si creeranno 20 milioni di posti di lavoro verdi: il 70 per cento di tutte le assunzioni previste dalle aziende nei 2014 e destinate ad attività di ricerca e sviluppo sarà coperto da green jobs (nel 2013 era il 61,2 percento). Ma quali sono i mestieri verdi con più futuro? L’elenco è talmente lungo che, prendendolo per intero, risulta disorientante: va dal risk manageral green copywriter, dalla guida naturalistica all’esperto di bonifiche, dall’agronomo che seleziona le specie resistenti al cambiamento climatico al geologo specializzato in dissesto idrogeologico, dal progettista di impianti solari al carpentiere specializzato nella costruzione di tetti superisolati. Ma in realtà in quasi tutti i settori ci sono segmenti, più o meno consistenti, che si riconvertono alla logica della maggiore efficienza e del minor impatto. Certo in alcuni casi la tendenza è più netta. La chimica è in fase di riconversione verde. L’edilizia è stata segnata da un cambiamento radicale e chiede progettisti, esperti di efficienza energetica, personale specializzato nei materiali ad alta coibentazione a basso impatto ambientale. L’agricoltura vede la continua avanzata del biologico. La gestione dei rifiuti ha bisogno di chimici e manager capaci di gestire il passaggio dalla discarica al riciclo. “La migliore risposta alla crisi per un’Italia che vuoi fare l’Italia è puntare su innovazione, conoscenza, qualità, bellezza e green economy”, propone Ermete Realacci, presidente di Symbola. “Affrontare questa sfida come un dovere, come l’adempimento burocratico a obblighi internazionali significa non aver colto la posta in gioco. E un atteggiamento rassegnato che fa pensare al “Gattopardo”: in uno dei dialoghi più celebri del libro, il principe di Salma spiega di aver avuto sette figli dalla moglie e di non averne mai visto l’ombelico perché sulla sua impenetrabile camicia da notte campeggiava il motto “Non lo fo per piacer mio, ma per dare un figlio a Dio”. Ecco, gli investimenti green sono anche un “piacere” oltre che una cosa utile”. Capacità di reggere la competizione globale e investimenti green viaggiano in parallelo: l’Italia avanza nei settori in cui innovazione e attenzione all’ambiente non vengono meno. Dall’inizio della crisi il fatturato estero della nostra manifattura è cresciuto percentualmente più di quello tedesco: 16,5 per cento contro 11,6 percento. “Questi numeri spiegano perché la green economy appaia una scommessa ragionevole anche per le nuove imprese”, aggiunge Ferruccio Dardanello, presidente di Unioncamaere. “Nel primo semestre del 2014 si contano quasi 33.500 start-up green che hanno investito in prodotti e tecnologie verdi già nei primi mesi di vita o prevedono di farlo nei prossimi i 2 mesi: ben il 37,1 percento del totale di tutte le aziende nate nei primi sei mesi di quest’anno”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli