02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L’espresso

Anche i vini raccontano bugie ... Avrete forse sentito parlare
dei cosiddetti “vini veri”,
cioè i vini dei vignaioli
che si ribellano
all’omologazione
indotta
dall’impiego
in vasivo
delle tecniche
enologiche
moderne. Tecniche
di dubbio valore,
se adottate con troppa
disinvoltura: colori
saturi, profumi “pompati”, caricaturali, gusti
innaturali, anabolizzatti, pesanti. “Vini veri” o “vini naturali” rimangono
certo definizioni vagamente offensive per i produttori, e sono tanti, che vinificano con mezzi aggiornati, ma senza forzature o furbizie. Però rende conto di una reazione epocale ai vini “mangiaebevi” che dominavano un decennio fa. Volete farvi una vostra idea in proposito? Provate ad esempio i vini di Stefania
Pepe (tel. 0861 752022), volitiva produttrice abruzzese: la “grammatica” enologica non è irreprensibile, anzi i profumi sono di solito piuttosto sconcertanti. Ma al palato dovrebbero colpirvi per intensità, pienezza, energia gustativa. Come il Montepulciano d’Abruzzo Cuore Di... Vino, in enoteca a circa 17 euro.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli