02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

L’espresso

Dom Pérignon ... Sorprese del monaco ... Non è stata un’annata facile la 2003, men che meno in Champagne: il caldo torrido estivo è stato preceduto da una gelata ad aprile che ha distrutto il 30 per cento dei grappoli. Con l’eccezione di tre-quattro etichette, gli Champagne 2003 non hanno lasciato il segno. Per questo, è con maggiore sorpresa che fa il suo arrivo in enoteca il Dom Pérignon Vintage 2003 (www.moethennessy.it). Dom Pérignon è uno degli Champagne più prestigiosi, prodotti in annate non solo eccezionali, ma in grado di assicurare una longevità di almeno 30 anni, aspetti che sembrerebbero cozzare con l’andamento della 2003. Invece, lo chef de Cave Richard Geoffroy, memore di annate simili come la 1959 e la 1976, ha plasmato uno Champagne d’eccezione. Il vino riesce a esprimere i caratteri del marchio (mineralità cd erbe aromatiche) oltre le caratteristiche dell’annata. A fronte di una freschezza che rende il sorso di estrema gradevolezza.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli