02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Lo Specchio De La Stampa

Scagliola vuol dire moscato - “La terra ai contadini!”, verrebbe de dire visitando spesso cantine sempre più tecnologiche che, talvolta, sembrano aver dimenticato da dove arrivano le loro fortune. Non è questo il caso dei fratelli Scagliola, Maggiorino e Mario, che con le rispettive famiglie coltivano con entusiasmo 21 ettari a Calosso, nell’Astigiano, avendo mantenuto un saldo legame con la terra. Una zona colonizzata negli anni Sattanta e Ottanta dal moscato. Si trattò di un’ubriacatura che fruttò, finalmente, un po’ di soldi ai contadini del posto, ma contribuì a instaurare una sorta di monocoltura su queste colline. In pratica il barbera e gli altri vitigni a bacca rossa furono estirpati per lasciare spazio all’uva aromatica. Gli Scagliola non si comportarono così. Puntarono le loro carte sul moscato, certo, ma mantennero con saggezza contadina anche i vecchi filari di nebbiolo, barbera, dolcetto e freisa. Così, quando il vento cambiò direzione, non rimasero spiazzati. Negli anni Novanta, il mercato dell’Asti Spumante accusò una battuta d’arresto e molti agricoltori patirono la diminuzione del reddito. Gli Scagliola hanno continuato a produrre un ottimo Moscato, forse il più buono della zona, ma si sono distinti grazie alla vinificazione di una superba Barbera d’Asti, con la quale si sono aggiudicati anche i Tre Bicchieri nell’ultima edizione della guida Vini d’Italia. “In programma abbiamo ache la produzione di un vino da tavola realizzato con barbera, cabernet sauvignon e nebbiolo”, racconta Maggiorino. “Cerchiamo poi di trattare le nostre vigne con la minor quantità di pesticidi possibile, non solo per realizzare un prodotto privo di veleni, ma anche perché vogliamo tutelarci: siamo noi i primi a spaventarci quando maneggiamo certi prodotti chimici”. L’etichetta più rappresentativa della cantina è senza dubbio la pluripremiata Barbera d’Asti SanSì, ma si segnalano anche il Moscato d’Asti Volo di Farfalle, il Langhe Dolcetto Busiord e la Barbera d’Asti Frem, che possono vantare un notevole rapporto qualità prezzo.

Scagliola, 14052 Calosso (Asti), tel. 0141-853183. La produzione totale è di 120.000 bottiglie. I vini: Barbera d’Asti SanSì Selezione 2000, 5.000 bottiglie, Barbera d’Asti Frem 2002, 25.000 bottiglie; Moscato d’Asti Volo di Farfalle 2002, 35.000 bottiglie.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Pubblicato su

Altri articoli