02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Milano Finanza

Gran Medaglia d’Oro a cinque vini italiani ... A MundusVini ottimo risultato di Zonin, che ha ricevuto 11 premi. Al top Deliella 2005... Cinque vini italiani hanno ncevuto una Gran Medaglia d’Oro, il massimo riconoscimento di MundusVini, Gran Premio Internazionale dell’enologia che ha luogo in Germania. Tra i vini bianchi italiani si sono distinti Tordiruta Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc Passito e il Vino Santo Arele Trentino Doc. Tra i rossi italiani, invece (su un totale di nove premiati da tutto il mondo in questa categoria), in evidenza Timoleonte 2005 di Agrogento, Amarone Classico Valpolicella Doc Villa Rizzardi 2004 e Nero d’Avola Deliella di Feudo Principi di Butera 2005, tenuta siciliana di Zonin. La casa vinicola di Gambellara, in provincia di Vicenza, ha raccolto molti consensi durante la nona edizione del premio. I 180 esperti internazionali hanno degustato oltre 5.700 vini provenienti da tutto il mondo e la Casa Vinicola Zonin si è aggiudicata 11 premi, tra cui la Gran Medaglia d’Oro, 3 medaglie d’oro e sette d’argento. Il più alto riconoscimento è andato a Deliella 2005, cru di Nero d’Avola in purezza prodotto in Sicilia, di colore rosso rubino brillante venato di riflessi granati. “I premi ricevuti rappresentano un ulteriore stimolo a proseguire sulla strada della qualità che, come ci insegna nostro padre di giorno in giorno, è l’unico punto fermo su cui basare il futuro della nostra azienda”, ha commentato Francesco Zonin, vicepresidente della casa vinicola. MundusVini ha registrato quest’anno un incremento rispetto al 2008; il numero dei vini partecipanti è infatti salito dell’8 per cento circa. Tra i vini valutati la maggior parte proveniva dai tradizionali paesi vitivinicoli come Germania (1.359), Italia (1.053), Spagna (879) e Francia (612), ma non sono mancati paesi come Polonia, Thailandia, Bolivia, Danimarca, Perù e Paesi Bassi.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Pubblicato su

Altri articoli