02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Tour del vino negli Stati Uniti ... Chicago e New York degusteranno Brunello, Nobile e Chianti... Brunellodi Montalcino, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano e Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore: saranno queste quattro importanti denominazioni italiane al centro di un tour americano che prenderà il via il 1 febbraio. L’ambizioso progetto di Federdoc servirà a presentare le ultime annate disponibili sul mercato e ad incentivare l’attenzione di uno dei paesi di riferimento per il vino italiano. Riabilitando del tutto il Nobile, riportato alla cronaca negli ultimi tempi per le vicende di alcuni produttori che non avevano rispettato il disciplinare di produzione. The Italian Wine Master, questo il nome del progetto, fissa la prima data all’Hilton di Chicago per il 1 febbraio per spostarsi poi il 4 febbraio al Metropolitan Pavilion di New York City. In queste due occasioni oltre 140 produttori, in rappresentanza delle quattro denominazioni garantite italiane, saranno al centro di degustazioni e presentazioni dei propri prodotti a un pubblico selezionato di operatori del settore ed alla stampa. Per meglio approfondire le caratteristiche delle singole denominazioni sono state inoltre organizzate nelle stesse date due degustazioni particolari: una dal titolo “Territorio, diversità e complessità di Brunello, Chianti Classico e Nobile di Montepulciano” per spiegare i tre territori toscani base dei tre grandi rossi; l’altra, dal titolo “L’evoluzione del Prosecco”, servirà a far conoscere le caratteristiche delle bollicine italiane per eccellenza. “Si tratta di un’occasione straordinaria e allo stesso tempo rara - dicono i responsabili dei Consorzi partner del progetto di Federdoc - nella quale non sarà la singola denominazione ad emergere, ma quello che potremmo definire il “Sistema Italia” del vino”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli