02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

L’etrusco colpisce ancora, verrebbe da dire parafrasando un thriller anni ’70. Qui l’etrusco sta in cantina e precisamente in Val di Cornia a Populonia, in pieno parco archeologico. La famiglia Monelli ha recuperato dal 2002 un’antica tenuta, Poggio Rosso, abbandonata da tempo, ripristinando e ristrutturando immobili e vigneti. Una accurata zonazione ha distribuito rossi (merlot, sangiovese, cabernet sauvignon) e bianchi (fermentino, viogner) in base alla morfologia dei terreni. Intelligente la scelta di puntare su pochi vini per un territorio finora ecologicamente poco esplorato. Due i rossi da poco in commercio, dai nomi di divinità etrusche: “Velthune (cabernet sauvignon) e Tages (merlot, sangiovese). Quest’ultimo è il vino più giovane (comunque è un 2006) e meno strutturato. Poi ci incuriosiva questo sangiovese cresciuto tra sole, venti, mare e salsedine. Il mix è davvero accattivante. Profumi intensi al naso di frutta rossa e note balsamiche, in bocca grande freschezza e gradevole tannicità, con bel finale amarognolo. Perfetto su carni e cucina di terra. In enoteca sui 14 euro. Tages 2006 Tenuta Poggio Rosso, info: www.tenutapoggiorosso.it

La crescita qualitativa delle cantine cooperative è stato uno dei fattori del boom del vino italiano nel mondo. Merito, anche qui, del mercato: dovendo collocare le grandi quantità prodotte dai soci, non avevamo alternativa: o crescere ed esportare, oppure chiudere bottega. La selezione naturale ha fatto miracoli, creando fenomeni come Cavit o Mezzocorona in Trentino, Due Palme in Puglia e Cantina di Soave in Veneto. Quest’ultima è un gigante da 30 milioni di bottiglie ed è stata scelta da un colosso internazionale come Constellation Brands (fattura 5,2 miliardi di dollari in 150 paesi) per distribuire in Italia i suoi marchi d’alta gamma dal Nuovo Mondo. Ma il core business della più che secolare cantina veronese restano le tipicità veronesi, quindi il bianco Soave e i rossi Valpolicella e Amarone. E adesso anche il Ripasso, cioè il valpolicella rifermentato sulle bucce dell’Amarone. Questo Le Poesie 2007 è bottiglia davvero piacevole che nobilita la tavola quotidiana. Bell’aroma di ciliegia e mora, al palato si apre morbido ed elegante, senza sbavature. In enoteca sugli 8 euro. Valpolicella Ripasso 2007 Le Poesie, Cantina di Soave, info: www.cantinasoave.it.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli