02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Grandi bottiglie a piccoli prezzi ... Chapeau. I francesi non mollano l’osso italiano e pur di venderci il loro champagne - l’Italia è il terzo mercato a valore a livello mondiale - fanno il diavolo a quattro. Come l’idea di produrre una bottiglia pensata in esclusiva per il nostro mercato. È venuta a Pommery, storico marchio di Reims, facente parte del gruppo Vranken-Pommery Monopole, uno dei leader mondiali negli champagne d’alta gamma con in portafoglio marchi come Diamant, Demoiselle, Heidsieck, Charles Lafitte. La filiale italiana (sede a Rivergaro di Piacenza, guidata da Ilario Iannone) ha già lanciato la prima etichetta su misura per l’Italia: il “Pommery Noir”, cuvée classica di chardonnay, pinot noir e pinot meunier. Questa “etichetta nera” (il packaging storico di Pommery) è stata pensata a tutto pasto. Quindi grande eleganza e grande freschezza con note di fiori bianchi al naso e sentori di agrumi. Al palato ampio, vivace e leggero come una piuma. La maison lo consiglia su pesce e crostacei, noi lo metteremmo (ovviamente freddo, a 8°) su tutto, o quasi. Per queste divine bollicine si spendono sui 30 euro, e non è tanto.

Pommery Noir, Pommery Info: www.vrankenpommery.it.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019

Altri articoli