02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

In Toscana il Natale dei gourmet ... È la meta più ambita dal turismo mondiale a caccia di eccellenze alimentari... Altro che paesaggi e opere d’arte! A tenere ben salda la bandiera del turismo in Toscana, non sono Botticelli o le Crete Senesi, quanto piuttosto prosciutti di cinta, corposi vini rossi; extravergini d’oliva e blasonatissimi prodotti tipici, meglio se biologici. Osannata da tutta la stampa estera per i suoi profumi e sapori genuini, la terra del Granducato risulta infatti tra le mete più gettonate dai vip per le prossime vacanze natalizie, scelta proprio come mecca enogastronomica. La notizia arriva dall’Istituto nazionale ricerche turistiche, secondo cui la Toscana è la seconda destinazione italiana preferita sotto le feste del 2009. Non a caso la fama dei nostri salumi è celebrata dal quotidiano cinese “Yangtse Evening News”, così come l’austriaco “Der Standard” narra del “mitico Chianti”. O l’inglese Times osanna “l’olio verde, intenso e corposo dal profumo aromatico di erba appena tagliata”. Insomma, se a Natale gli alberghi, i resort e gli agriturismi saranno pieni, gran parte del merito sarà anche del Brunello di Montalcino, del pecorino di Pienza e delle cipolle di Certaldo. La lista degli ospiti illustri che da tempo hanno scoperto la Toscana è lunga. Basti pensare a Tony Blair e a Bruce Willis che da tempo frequentano le nostre più rinomate cantine. Per non dire di Sting, che di recente ha annunciato di voler difendere l’agricoltura e la bio-diversità della Toscana producendo prodotti tipici. E non va dimenticato Tom Cruise, che pare abbia scoperto il cibo biologico toscano durante la gravidanza della moglie Katie. A evidenziare il prestigio enogastronomico toscano è stata la ricerca condotta dall’Osservatorio giornalistico internazionale “Nathan il Saggio”, che ha preso in esame 1.434 articoli apparsi nell’ultimo anno su oltre 100 testate di 12 nazioni (tra cui Gran Bretagna, Francia, Germania, Usa, Cina, Russia e Paesi Arabi). La ricerca è stata presentata in occasione di una originale sfilata di prodotti tipici, trasformati in veri e propri gioielli e messi in mostra ieri in una gioielleria di Ponte Vecchio a Firenze. Ma quali sono i prodotti tipici per cui i tanti turisti affollano la Toscana? Secondo la stampa estera al primo posto balzano i vini. Al secondo posto l’olio extra vergine di oliva Igp, seguito dalle carni, in particolare dal prosciutto e dal lardo di cinta senese, “l’equivalente culinario del cashmere”, secondo il canadese “The Gazzette” o “boccone di aromatica grandezza rinascimentale”, secondo il Times.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019