02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Grandi bottiglie a piccoli prezzi ... Cesarini Sforza è uno dei pilastri della spumantistica nazionale. Queste bollicine d’autore arrivano dal Trentino e le uve migliori sono quelle a media altitudine della valle di Cembra, attorno a Trento. Questi sono giorni consacrati alle bollicine e Cesarini offre un’ampia gamma nel metodo classico. In alto, al top, c’è l’Aquila Reale, raffinata riserva millesimata blanc de blanc (solo chardonnay). Scendendo di uno scalino andiamo su un prodotto dal prezzo più abbordabile ma di qualità sempre elevata . È il Tridentum, che si propone come un bicchiere da tutto pasto grazie all’equilibrato dosaggio della spumantizzazione (non “esplode” in bocca). Formula classica (chardonnay e pinot nero), da 36 a 48 mesi sui lieviti, bouquet elegante coi classici sentori di crosta di pane, in bocca morbido e suadente, accompagna e “consola” con vivacità la mensa di fine anno, privilegiando pesce e carni bianche. Dal 2001 Cesarini Sforza Spumanti è controllata da Cantina La Vis e F.lli Rinaldi Importatori di Bologna. Una accoppiata vincente tra territorio e qualità della materia prima e capacità distributiva. In enoteca sui 14-15 euro. Tridentum, Trento Doc, Cesarini Sforza. Info: www.cesarinisforza.com.

Quelli che... osarono sfidare lo champagne. Guido Berlucchi, Franco Ziliani e Giorgio Lanciani fondano negli anni ’50 la Guido Berlucchi & C. e nel 1961 nascono le prime 3000 bottiglie di bollicine italiane metodo classico con etichetta Pinot di Franciacorta . Debuttava così un territorio enoico di straordinario successo. Da quel momento in Italia si cominciò a brindare con bollicine autoctone che insidiavano per qualità quelle francesi ma a prezzi più abbordabili. La maison di Borgonato è cresciuta negli anni e ha fatto scuola nella spumantistica nazionale. Oggi vinifica circa un quinto dell’uva prodotta nella fortunata enclave bresciana. Il Brut Imperiale (sui 10 euro) è una delle bollicine base più vendute in Italia e sui mercati esteri. Qui oggi segnaliamo una selezione, il Franciacorta ’61, che nel nome (e nel packaging) ricorda l’anno in cui nacque nelle cantine Berlucchi il primo Franciacorta. Una bella scelta di stile che dà valore a un vino dal perlage elegante, con profumi fini di crosta di pane e agrumi. Grande freschezza al palato, equilibrio e buona struttura. Da provare bello freddo (8°) a tutto pasto. In enoteca sui 17 euro. Franciacorta ’61, Berlucchi. Info: www.berlucchi.it.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli