02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Chef toscano per Michelle ... Angelo Cardelli chiamato negli Usa da Lady Obama... Uno chef toscano alla “corte” degli Obama alla Casa Bianca per il party offerto dalla coppia presidenziale più famosa del mondo il giorno del compleanno della first lady Michelle, il 17 gennaio. Sarà Angelo Cardelli, esuberante chef quarantenne di Chiesina Uzzanese, paese a due passi da Montecatini Terme, ad avere l’onore di proporre agli invitati le delizie gastronomiche della tradizione toscana. Eh sì, perché l’input ricevuto è niente fronzoli e ricercatezze: Michelle vuole piatti tipici semplici, in linea con una festa ispirata a un clima informale. Ai fornelli ci saranno, insieme ad Angelo, altri super colleghi da varie parti del mondo, scremati dopo una lunga e accurata selezione. Ma com’è arrivato Angelo Cardelli alla Casa Bianca? “Insieme al mio amico chef Simone Rugiati di Santa Croce abbiamo saputo che per la festa di Michelle Obama stavano selezionando proposte da cuochi di tutto il mondo: ci siamo candidati e siamo stati scelti. Chi se lo aspettava? Andrò negli Stati Uniti con collaboratore di Rugiati”. Eccola la proposta di assaggi che tanto è piaciuta: crostini di fegatini di pollo su bruschetta fritta, sfoglia di pane a legna con lardo di Colonnata, crostino di uva Sangiovese ristretta nel Chianti con pecorino fuso, varietà di salumi di cinta senese e pecorini, pappa al pomodoro, farinata di cavolo nero, ribollita alla senese, lasagne gratinate, stracotto di manzo al Brunello, fiorentina alla brace, salsicce di cinta con fagioli rossi di Sorana (una rarità, se ne producono solo 5 chili all’anno), filetto di bue alla Vernaccia con tartufo di San Miniato, castagnaccio, brigidini, ricciarelli, panforte, biscottini di Prato. Per i vini la scelta sarà tra il Chianti classico Badia a Coltibuono, Antinori, Brunello di Montalcino Banfi, Ornellaia, Vermentino e Solaia di Bolgheri, Vernaccia di San Gimignano. Nei prossimi giorni Cardelli volerà a Londra, dove all’ambasciata degli Stati Uniti verrà stabilito il menù definitivo e, soprattutto, quali materie prime sarà necessario portare dall’Italia per garantire una perfetta qualità...

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019