02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

“Feste in rosè E brindisi Low cost” … Maietta presidente Ais: “Si risparmia con i vini locali” … Il Natale ormai è prossimo ed è tempo non solo di pensare agli ultimi regali, ma anche ai piatti che delizieranno i nostri palati in compagnia di parenti e amici. In ogni regione le portate sono quelle della tradizione ma, come ogni anno, si pone il dubbio sui vini da servire. In questa occasione chi meglio del nuovo presidente dell’Associazione italiana sommelier, Antonello Maietta, è più adatto a dettare le nuove tendenze enologiche nell’abbinamento cibo-vino? “Da Natale a Capodanno è il rosa, o meglio il rosè, il colore dominante”, esordisce il presidente dell’Ais. “Sotto le feste c’è un consumo importante di bollicine, ma quest’anno la tendenza è di coniugarle nella versione rosè. Si tratta di una novità perché in Italia la tradizione di bere rosati non è particolarmente radicata anche se le aziende si stanno adeguando. Nell’Otrelpò Pavese hanno coniugato il Cruasè e in Franciacorta, zona notoriamente vocata alla spumantizzazione, si stanno producendo bottiglie eccellenti”. Ma i rosati si abbinano i piatto? “Se i si ha voglia di cambiare bottiglie a tavola, il vino rosato è un ottimo passepartout, tenendo conto che, rispetto ai bianchi, ha più struttura ed è quindi più indicato per accompagnare i piani delle feste. In chiusura del pranzo si potrebbe proseguire con la cromaticità del rosso, come il Brachetto d’Acqui al posto del classico Moscato d’Asti oppure con qualcosa di curioso come le piemontesi Malvasia di Casorzo e Malvasia di Castelnuovo don Bosco, poco conosciute, ma molto interessanti o ancora bollicine sempre sul rosso con la Vernaccia di Serrapetrona, vera perla dell’enologia marchigiana”. Ma attenzione: per bere bene non bisogna necessariamente spendere molto. “Tutta l’Italia - spiega l’esperto - ha delle tipologie di riferimento, quindi è preferibile rimanere sui vini del territorio, che in genere si danno per scontati. Invece con un’attenta ricerca si possono trovare bottiglie meno note, ma ugualmente gradevoli e che soprattutto ci permettono di risparmiare”.

Copyright © 2000/2019


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2019