02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Lambrusco di qualità ... Non c’è un solo lambrusco, ce ne sono tanti Modena e la tradizione (i tre storici Grasparossa, Sorbara, Salamino), Reggio dell’innovazione con i vari blend a base Salaminio, Ancellotta, Maestrelli e Foglia rossa. Ormai il successo di questo rosso frizzante, simbolo dell’Emilia, è mondiale e bisogna tenere ben salda la barra della qualità per non svilire il prodotto e inquinare il mercato. Riunite è da sempre sinonimo di. lambrusco reggiano, ora con la nascita del colosso Riunite & Civ è un player mondiale da 70 milioni di bottiglie, copre entrambe le province e controlla il Gruppo Italiano Vini prima impresa vitivinicola italiana, da poco proprietaria di Cavicchioli. Un gigante che però sa segmentare linee e prodotti. Albinea Canali è la cantina top di gamma per i lambruschi reggiani. Cooperativa storica sulle prime colline dell’Appennino reggiano, gode di un microclima eccellente tra vigneti e ulivi. Poche linee, ma selezionate, destinazione horeca. Piacevolissimo e fresco il Chiaro della Falconaia, (Salamino e Sorbara). Non delude mai l’Ottocentonero, blend Salamino, Grasparossa, Ancellotta. Lo stile è quello reggiano: spuma densa, intensa, profumi violacei, sorso polposo, pastoso. In enoteca sui 6 euro. Ottocentonero, Albinea Canali

info: www.albineacanali.it

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli