02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

I bianchi da sposare a un menu 1eggero ... Maietta dopo le abbuffate, meglio vini dalla minore gradazione alcolica”... Nel nuovo anno uno dei propositi di molti italiani è la dieta. Secondo una stima della Coldiretti durante le feste natalizie sono state assunte in media 15-20 mila chilocalorie in più per l’effetto del maggior consumo di cibi calorici e di bevande alcoliche. Da smaltire quindi pasta, cotechini, salumi, formaggi accompagnati da enormi quantità di frutta secca, panettoni e dolci. Adesso è arrivato il momento di correre ai ripari e di depurare l’organismo con cibi più leggeri. Per eliminare il senso di gonfiore che si manifesta subito dopo le grandi abbuffate la vera protagonista è la verdura: facilmente digeribile e possibilmente nostrana, da cucinare lessa e poco condita oppure cruda, preferibilmente in insalate, ovviamente senza tonno e uova. Nella dieta non vanno trascurati anche i piatti a base di legumi, ricchi di fibre, e le pietanze di mare o pesce magro. La scelta del vino punta preferibilmente su bianchi, non perché abbiano meno calorie, ma per la minore gradazione alcolica e perché si accompagnano bene a piatti più leggeri. Quindi ottimi con menu leggeri sono il Riesling dell’Oltrepo, un vino delicato con sfumature minerali e di buona piacevolezza, oppure il Nebbiolo vinificato in bianco della Valtellina. Ideali con piatti a base di pesce e di carni bianche i Chiaretti della zona del Garda, fragranti rosati dal profumo floreale e fresco e dal sapore sapido, intenso e morbido. Se ci si sposta in Emilia si possono scegliere le Malvasie dei Colli Piacentini o vini poco conosciuti come l’Ortrugo dei Colli Piacentini, giallo paglierino scarico con sfumature verdoline e profumo di fiori di campo e di frutta bianca acerba, il Pignoletto dei Colli Bolognesi, dal profumo delicato e fruttato, oppure il Pagadebit di Romagna, un bianco molto delicato e fine. Tra i vini dello fascia costiera che va dalla Liguria all’Alto Tirreno c’è una grande riscoperta del Vermentino che si abbino magistralmente a piatti a base di pesce, insalate e verdure in genere.

Copyright © 2000/2020


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt
Seguici anche su Facebook: @winenewsit


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2020

Altri articoli