02-Planeta_manchette_175x100
Allegrini 2018

Nazione / Giorno / Carlino

Ue, salta l’accordo sulla carne donata. Via libera a Dolly ... Fallimento annunciato: troppe divergenze tra consiglio dei ministri e parlamento europeo... Epilogo di un fallimento annunciato, a Bruxelles, quanto il Consiglio dei ministri dell’Ue, il Parlamento europeo e la Commissione, nelle vesti di mediatore, hanno gettato la spugna di fronte all’impossibilità di trovare un compromesso per regolamentare la donazione a fini alimentari in Europa. Un fiasco annunciato, in quanto tre anni di negoziati non hanno permesso di cambiare nulla. Unica amara constatazione: i 500 milioni di consumatori europei restano i veri perdenti, nonostante, come ricorda il Parlamento, “il 63% degli europei non comprerebbe prodotti derivati da bestiame donati e il 61% ritiene addirittura che la donazione sia moralmente inaccettabile”. Da parte sua, l’Ufficio europeo di difesa dei consumatori (Beuc) ha denunciato un negoziato in cui “gli interessi dei consumatori sono stati vergognosamente ignorati”. Senza l’accordo definitivo da parte dell’Ue, infatti, si azzera tutto la sciando liberi operatori e industriali a importare in Europa carne da Usa, Brasile, Argentina, e da altri grandi produttori mondiali privi della tracciabilità, e quindi senza sapere se provengono da animali donati. Quanto al settore del commercio, non è tenuto a garantire una maggiore informazione ai consumatori. Attualmente, secondo i dati della Commissione europea, l’Ue importa circa 300mila tonnellate di carne fresca bovina dai partner mondiali che rappresentano un poco meno del 5% della produzione europea che raggiunge gli Otto milioni di tonnellate. Il nodo centrale della scontro che le istituzioni Ue non sono riuscite a superare, riguarda le modalità per introdurre l’etichettatura in modo da garantire un acquisto informato. Il commissario europeo alla salute John Dalli, pur ammettendo l’insuccesso ha voluto essere rassicurante: “Mangerei tranquillamente carne bovina derivata da animali donati in quanto non c’è differenza da quella tradizionale”.

Copyright © 2000/2018


Contatti: info@winenews.it
Seguici anche su Twitter: @WineNewsIt


Questo articolo è tratto dall'archivio di WineNews - Tutti i diritti riservati - Copyright © 2000/2018

Altri articoli